Fra utili ‘storici’ e valutazioni alle stelle, quale destino per Zoom?

Fra Utili ‘Storici’ e Valutazioni alle Stelle, Quale Destino per Zoom?
5' di lettura

I risultati finanziari del primo trimestre pubblicati martedì da Zoom Video Communications Inc (NASDAQ: ZM) hanno ampiamente superato le stime degli analisti, ma la reazione del titolo in Borsa è stata sottotono, con gli investitori che esprimono disagio per una valutazione ormai a livelli stellari.

Cosa dicono gli analisti su Zoom

L’analista di KeyBanc Capital Markets Alex Kurtz ha mantenuto sulle azioni Zoom la raccomandazione Sector Weight.


Richard Valera, analista di Needham, ha mantenuto la raccomandazione Buy e ha aumentato il target di prezzo da 140 a 230 dollari.

L’analista di Oppenheimer Ittai Kidron ha mantenuto la raccomandazione Perform.

Drew Kootman, analista di Cantor Fitzgerald, ha mantenuto la raccomandazione Overweight e ha aumentato il target di prezzo da 150 a 261 dollari.

L’analista di Stifel Tom Roderick ha mantenuto la raccomandazione Hold e aumentato il target di prezzo da 105 a 180 dollari.

Attenzione rivolta alle disiscrizioni da Zoom, dice KeyBanc

Il primo trimestre per Zoom Video è da considerarsi storico, data una crescita dei ricavi del 169% su base annua e un balzo delle fatturazioni del 346%, ha detto Kurtz. L’analista di KeyBanc ha fatto notare che il contributo ai ricavi dato dagli utenti di gruppi aziendali costituiti da meno di dieci persone è aumentato dal 20% del trimestre precedente al 30%, il che si traduce in un numero inferiore di casi di utilizzo.

Secondo la banca di Cleveland è probabile che gli investitori si concentreranno su come andrà il livello delle disiscrizioni nella seconda metà dell’anno, quando gli utenti occasionali lasceranno la piattaforma.

C’e’ ancora spazio per una crescita pluriennale, afferma Needham

Zoom Video ha abbondantemente superato le stime degli analisti nei risultati finanziari del primo trimestre e nella guidance – una performance mai vista in più di vent’anni di copertura del settore Tecnologico, ha affermato Valera, analista di Needham.

L’analista prevede due dinamiche contrastanti che guideranno i risultati dell’azienda nel breve termine: l’aumento delle disiscrizioni rispetto ai livelli storici, e la maggiore opportunità sia per una transizione secolare duratura verso il lavoro da remoto che per una maggiore base di prodotti installati a cui sia possibile vendere prodotti per Zoom Phone e per Zoom Room.

Le disiscrizioni saranno contenute e la crescita netta degli utenti a pagamento accelererà nuovamente nell’anno finanziario 2022 e oltre, ha dichiarato Valera.

“Sebbene le azioni ZM chiaramente non siano economiche, riteniamo che ZM abbia davanti a sé una strada pluriennale di crescita, grazie alla sua base utenti molto più ampia, e dunque che abbia l’opportunità di raddoppiare nuovamente i ricavi nei prossimi 3-4 anni”.

Oppenheimer: ci siamo persi il vero potenziale di crescita di Zoom

La pandemia di Coronavirus ha accelerato la scelta di soluzioni video da parte di imprese e consumatori, favorendo la crescita del fatturato e un trimestre eccezionale per l’azienda, ha affermato Kidron, analista di Oppenheimer. Kidron ha dichiarato inoltre che gli indicatori finanziari riferiti agli utenti sono solidi, con un’espansione netta del 149% e una forte crescita degli utenti e dei grandi clienti.

Tuttavia, una parte del rialzo riflette i ricavi già riportati, secondo l’analista di Oppenheimer.

Inoltre, Kidron prevede un aumento delle disicrizioni, il ché solleva domande sulla sostenibilità del rialzo di Zoom.

“Nel complesso, siamo ottimisti sull’opportunità di crescita di Zoom (casi d’uso di voce/testo con penetrazione video), e riconosciamo che ci siamo persi il suo vero potenziale di crescita.”

Kidron ha dichiarato che la banca d’investimento ha modificato al rialzo le sue stime per riflettere i risultati e la guidance di Zoom, ma che si tiene in disparte da eventuali investimenti a causa della eccessiva valutazione.

Il contesto del Coronavirus presenta il potenziale per un rialzo, afferma Cantor

Zoom Video offre una piattaforma di comunicazione superiore, in un momento in cui il video e la connettività stanno diventando sempre più importanti per tutti i settori e per le aziende di tutte le dimensioni, ha affermato Kootman, analista di Cantor Fitzgerald.

L’analista ritiene che il contesto determinato dal COVID-19 continui a presentare un potenziale di rialzo, determinando un aumento delle stime e una maggiore penetrazione del mercato, nonché future opportunità di cross-selling (ovvero la vendita al cliente di un prodotto aggiuntivo a quello già acquistato) per la piattaforma e i prodotti della compagnia.

“Prevediamo che questi impatti continueranno a sostenere l’espansione dei multipli”.

Zoom produce risultati “strabilianti”, afferma Stifel

Sebbene definisca la performance trimestrale di Zoom Video “strabiliante”, Roderick, analista di Stifel, ha detto che sceglie di rimanere in attesa, principalmente a causa della valutazione.

L’analista ha raffigurato due possibili scenari per l’azienda in futuro.

L’aumento dei clienti mensili potrebbe affievolirsi, o potrebbe invece favorire semplicemente un maggiore utilizzo, ha detto.

“Ciò che sarà affascinante da tenere d’occhio nei prossimi due trimestri è questo: quanta parte del picco negli abbonamenti e nelle prenotazioni dei clienti osservato nel primo trimestre corrisponde ad acquisti temporanei, che semplicemente svaniranno quando l’attività lavorativa si risposterà negli uffici?”

Secondo Stifel, la guidance dell’azienda dà per scontato che una parte di questa clientela effettivamente svanirà.

Il brand di Zoom è qui per restare, afferma Loup Ventures

L’azienda ha prodotto risultati ad un livello alto, con una crescita degli utenti senza paragoni, ha detto Gene Munster, partner e co-fondatore di Loup Ventures.

Negli ultimi tre mesi, Zoom ha “educato” Cisco Systems, Inc. (NASDAQ: CSCO) e Microsoft Corporation (NASDAQ: MSFT) nell’arte di costruire una piattaforma di conferenze via web semplice ed economica, ha affermato Munster.

Tra i punti principali indicati da Munster in base al rapporto trimestrale di Zoom vi sono: la crescita verticale degli abbonamenti, la crescita della di mercato – riflessa nell’aumento del 350% degli utenti – e il livello di preparazione, da parte dell’azienda, nel mantenere il proprio servizio disponibile e sicuro.

“Il marchio Zoom ha raggiunto lo status di verbo, e resterà in circolazione nel lungo termine”, ha dichiarato Munster.

Movimento dei prezzi di Zoom

Le azioni Zoom, che da inizio anno hanno guadagnato oltre il 200%, mercoledì, al momento della pubblicazione del presente articolo, erano in rialzo del 6,14%, a 220,85 dollari.