Nessuna modifica per la sezione 230, ma Google affronterà rischi antitrust

Gene Munster afferma che, nonostante non si verificheranno cambiamenti alla cosiddetta ‘Sezione 230’, non si possono escludere rischi legali in futuro

Nessuna modifica per la sezione 230 del Communication Decency Act, ma Google affronterà comunque rischi antitrust
2' di lettura

I potenziali cambiamenti alla Sezione 230 del Communications Decency Act del 1996 “non avranno luogo”, ma i colossi mega-cap della tecnologia dovranno comunque affrontare nuove sfide legali nei prossimi anni, ha dichiarato mercoledì Gene Munster di Loup Ventures su “Fast Money” della CNBC.

Munster afferma che Google è il più esposto: Lo sforzo normativo più pressante e realistico volto a cambiare il panorama delle big-tech riguarda Alphabet Inc (NASDAQ:GOOG) (NASDAQ:GOOGL), ha detto Munster.

L’attività di Alphabet è costituita da 42 prodotti e servizi, uno dei quali è rappresentato dal motore di ricerca Google, in cui l’azienda esercita un “chiaro monopolio”, ha dichiarato alla CNBC l’analista diventato venture capitalist.

È probabile che i regolatori e i legislatori rivolgano una maggiore attenzione a come la linea di business di Google Search influisca sulle altre, ha affermato Munster.

Al contrario, l’analista ha dichiarato che le preoccupazioni sulla privacy e sulla condivisione dei dati su Facebook, Inc. (NASDAQ:FB) sono già state affrontate, e che l’utilizzo da parte di Amazon.com, Inc. (NASDAQ:AMZN) di AWS per finanziare la parte retail rappresenta un “argomento distante”.

Le aziende tecnologiche hanno comunque il merito di aver mostrato il loro ruolo nell’”aiutarci ad andare avanti come pianeta”, ha affermato Munster.

A suo avviso, ciò dovrebbe favorire la buona volontà dei regolatori.

“Se l’obiettivo dei regolatori è quello di proteggere i consumatori, penso che in questo caso i consumatori abbiano una dipendenza e un affetto maggiori nei confronti di questi prodotti oggi rispetto a quattro mesi fa”.

Adami dice che Google non rappresenta un monopolio: Esistono molti motori di ricerca, ma Google sembra essere semplicemente “migliore di tutti gli altri”, ha dichiarato Guy Adami, trader di “Fast Money”.

Google è “la crème de la crème”, ma ben lungi dall’essere un “monopolio nel vero senso della parola”, ha chiarito Adami.