TravelCenters Of America, flop dell’offerta azionaria da $75mln

Le azioni sono crollate al di sotto del prezzo di vendita nel giorno dell’offerta delle nuove azioni

TravelCenters Of America, flop dell’offerta azionaria da mln
2' di lettura

I grandi sforzi fatti da Jon Pertchik per ribaltare il destino di Travelcenters of America Inc (NASDAQ:TA) sono proseguiti lunedì con un’offerta da 75 milioni di dollari in nuovi titoli, ma durante la sessione di contrattazioni le azioni sono crollate di quasi il 24% al di sotto del prezzo richiesto.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

In un documento depositato alla Securities and Exchange Commission (SEC), l’operatore di 263 aree di sosta a servizio completo e fermate per camion ha offerto poco più di 3,4 milioni di nuove azioni a 21,88 dollari per azione, il prezzo di chiusura di venerdì.

Venerdì, in un altro documento consegnato alla SEC, TA ha aumentato il totale delle azioni circolanti a 216 milioni.

Descrizione dei rischi

“Investire nelle nostre azioni ordinarie comporta un alto grado di rischio”, ha affermato TA nel suo prospetto. “Non devi fare affidamento su un investimento nelle nostre azioni ordinarie per avere un reddito da dividendo. Nel prossimo futuro non prevediamo che pagheremo dividendi in contanti ai detentori delle nostre azioni ordinarie”.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

I maggiori azionisti di TA, Service Properties Trust (SVC), noto anche come Hospitality Properties Trust, e The RMR Group Inc (NASDAQ:RMR) hanno concordato di acquistare un numero di nuove azioni pari alla loro attuale partecipazione, che si attesta rispettivamente a circa l’8,2% e al 3,6% del totale.

TA ha dichiarato che utilizzerà i proventi della vendita dei titoli per la manutenzione differita, per le spese in conto capitale al fine di migliorare le proprietà, per iniziative di crescita e per scopi aziendali generali.

I sottoscrittori dell’offerta, tra cui Citigroup, BMO Capital Markets, B. Riley FBR e BTIG, hanno 30 giorni per vendere fino al 15% in più di azioni rispetto all’offerta iniziale, in base alla cosiddetta clausola Greenshoe.

Mosse audaci

Nominato CEO a dicembre, Pertchik ha intrapreso un radicale restyling di TA, tra cui l’assunzione di un nuovo direttore finanziario e quattro nuovi vicepresidenti senior per supervisionare l’ospitalità, le questioni aziendali, il lato IT e gli acquisti. A maggio la compagnia ha licenziato 130 dipendenti.

A causa della pandemia di COVID-19, ad aprile TA ha licenziato 2.900 dipendenti sul campo, molti dei quali nei suoi ristoranti a servizio completo Quaker Steak & Lube e Iron Skillet. All’inizio di maggio il gruppo ha iniziato a riaprire in modo “prudente e disciplinato” alcuni punti di ristoro, arrivando a 75 ristoranti in 30 stati.

“Abbiamo dovuto licenziare perché la domanda [nei ristoranti a servizio completo] è diminuita del 91%”, ha dichiarato Pertchik in un’intervista a FreightWaves del 3 giugno. “Quindi abbiamo dovuto fare qualcosa. Con la lenta ripresa della domanda stiamo riassumendo un po’ di gente, ma la nostra più grande speranza e intenzione è quella di riportare dentro l’azienda tutte quelle persone non appena la domanda aumenterà”.

Pertchik sta inoltre cercando di convincere gli affiliati a rilevare le fermate per camion già esistenti come approccio per far crescere i marchi TA, Petro Stopping Centres e TA Express travel center.