Arabia Saudita minaccia nuova guerra dei prezzi del petrolio

L'Arabia Saudita minaccia un'altra guerra dei prezzi del petrolio, mentre la Nigeria e l'Angola rifiutano i tagli del petrolio dell'OPEC +

Arabia Saudita minaccia nuova guerra dei prezzi del petrolio
1' di lettura

L’Arabia Saudita potrebbe avviare una nuova guerra dei prezzi del petrolio mentre la Nigeria e l’Angola si rifiutano di conformarsi ai tagli alla produzione concordati dall’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio e dai suoi alleati, secondo quanto riferito dal Wall Street Journal.

Cosa è successo

Il ministro del petrolio del regno, il principe Abdulaziz, in una riunione virtuale dell’OPEC del 18 giugno, ha dichiarato che l’Arabia Saudita venderà il suo petrolio con uno sconto per costringere la Nigeria e l’Angola ad adeguarsi, dopo che i due paesi si sono rifiutati di effettuare tagli specifici alla produzione, secondo il Journal.

“Sappiamo chi sono i tuoi clienti”, avrebbe detto Abdulaziz ai rappresentanti dei due paesi che considerano la Cina e l’India come i loro principali clienti.

Perché è importante

L’Arabia Saudita si è impegnata per l’ultima volta con la Russia in una guerra dei prezzi a marzo, quando i due alleati dell’OPEC non sono riusciti a trovare una base comune sui tagli delle forniture, facendo crollare i prezzi del petrolio ai minimi storici.

Alla fine, nel mese di aprile i paesi dell’OPEC +, ovvero l’OPEC e i suoi alleati, hanno concordato tagli alla produzione per tre mesi e il mese scorso hanno deciso di estendere ulteriormente tale misura fino a luglio.

Movimento dei prezzi

I future sul Brent erano in rialzo di quasi lo 0,76%, a 42,35 dollari al barile al momento della pubblicazione dell’articolo. I future sul WTI sono aumentati analogamente dello 0,68%, a 40,09 dollari.