Apple sfonda quota $2 trilioni, e adesso?

Cosa potrebbe succedere da qui in avanti?

Apple sfonda quota  trilioni, e adesso?

Questa settimana Apple, Inc. (NASDAQ:AAPL) ha raggiunto un importante traguardo di mercato diventando la prima azienda a raggiungere una capitalizzazione di mercato di 2 trilioni di dollari.

Apple ha sicuramente un’enorme opportunità con il lancio dei suoi primi iPhone 5G, ma alcuni investitori sono scettici su quanto potenziale di crescita rimanga per le azioni Apple.

In cammino verso i $3tln? Gene Munster di Loup Ventures ha affermato che, nonostante lo scetticismo, è chiaro che Apple si diriga verso i 3 trilioni di dollari.

“Le galline dalle uova d’oro attuali e future di Apple (benessere, realtà aumentata, sistemi autonomi) stanno diventando sempre più centrali per le nostre vite in questo nuovo mondo”, ha scritto Munster.

L’analista di Wedbush Daniel Ives ha concordato sul fatto che probabilmente Apple raggiungerà i 3 trilioni di dollari.

“Crediamo entro il 2023, dato il potenziale del super ciclo e il business dei servizi”, ha detto Ives. “Mentre la situazione macroeconomica e il contesto COVID stanno pesando sulle tendenze della domanda a breve termine dei consumatori, nei prossimi 12-18 mesi Apple avrà un’opportunità decennale dal momento che stimiamo che circa 350 dei 950 milioni di iPhone in giro per il mondo rientreranno nella finestra di opportunità di un aggiornamento”.

Valutazione tirata L’analista di Cowen Krish Sankar ha affermato che la valutazione di Apple si è allungata rispetto al suo intervallo storico, ma che potrebbe non trattarsi necessariamente un campanello d’allarme.

“Quello che è veramente cambiato è lo spostamento di mix. Si è visto un maggiore mix shift verso i servizi. E penso che sia uno dei motivi per cui si osserva una crescita del multiplo”, ha detto Sankar.

Ma mentre Apple potrebbe ancora avere un residuo potenziale al rialzo, l’analista di Cerity Partners Jim Lebenthal ha detto che sarebbe una scelta saggia da parte degli investitori quella di incassare i profitti dal titolo dopo la sua corsa ragguardevole.

“L’ho ridotta un paio di volte quest’anno. E questa è certamente una colpa da parte mia, ma d’altra parte, anche dopo averla ridotta, è ancora una posizione che occupa il 5,5% del mio portafoglio, che è molto ampia per chiunque gestisca un portafoglio diversificato, e anche così, è sottopesatata rispetto al mercato”, ha affermato Lebenthal.

Al momento della pubblicazione le azioni Apple erano scambiate intorno ai 470 dollari.

Nessun Articolo da visualizzare