Disney raddoppia l’impegno per lo streaming, il titolo corre

Le novità includono la riorganizzazione delle attività, con la creazione di alcuni nuovi comparti

Disney raddoppia l’impegno per lo streaming, il titolo corre
2' di lettura

Lunedì, dopo la chiusura dei mercati, Walt Disney Co (NYSE:DIS) ha annunciato una riorganizzazione aziendale che punta ad una rinnovata attenzione al modello di streaming ‘direct-to-consumer’.

Cosa è successo: Disney ha annunciato tre nuovi gruppi di contenuti chiamati Studios, General Entertainment e Sports.

La riorganizzazione prevede la creazione del nuovo Media and Entertainment Distribution Group, che sarà responsabile di tutti i servizi di streaming; il gruppo supervisionerà la distribuzione dei contenuti e la monetizzazione dei servizi di streaming.

Kareem Daniel, veterano della Disney da 14 anni, è stato nominato presidente del gruppo.

Il segmento Streaming Services sarà guidato da Rebecca Campbell e sarà incluso nel Media and Entertainment Distribution Group.

La divisione Parks, Experiences and Products rimarrà un’unità separata.

Link correlato: Ecco come Disney+ può superare Netflix

Perché è importante: la riorganizzazione mostra una continua attenzione da parte di Disney nei confronti delle sue piattaforme di streaming, come Hulu, ESPN+ e Disney+; all’inizio di agosto, Disney+ aveva più di 60 milioni di abbonati.

“Dato l’incredibile successo di Disney+ e i nostri piani per accelerare il nostro business direct-to-consumer, stiamo posizionando strategicamente la nostra azienda per supportare in modo più efficace la nostra strategia di crescita e aumentare il valore per gli azionisti”, ha affermato Chapek.

Daniel è stato responsabile di segmenti come giochi e interattività, prodotti di consumo, editoria e distribuzione studio; ha anche fatto parte dell’unità Imagineering, che ha visto l’aggiunta di proprietà sempreverdi come Star Wars: Galaxy’s Edge e Toy Story Land ai parchi a tema.

La mossa consentirà la separazione dei team di contenuti dalla distribuzione, uno scorporo che secondo la società sarà d’aiuto in futuro.

“I nostri team creativi si concentreranno su quello che sanno fare meglio: realizzare contenuti di prima classe basati su franchising”, ha detto Chapek.

La scelta dell’azienda di Burbank giunge in un momento in cui l’investitore attivista Dan Loeb sta spingendo affinché Disney tagli il suo dividendo per finanziare la spesa per i contenuti in streaming allo scopo di superare la rivale Netflix (NASDAQ:NFLX).

“I tre gruppi di contenuti dell’azienda saranno responsabili e tenuti a rispondere della produzione e della distribuzione dei contenuti cinematografici, lineari e in streaming, con il focus primario rappresentato dai servizi streaming dell’azienda”, ha affermato Chapek.

Cosa potrebbe succedere: il 10 dicembre Disney ospiterà una giornata virtuale degli investitori. La riorganizzazione ha effetto immediato, con il passaggio alla rendicontazione finanziaria nell’ambito delle unità previsto per il primo trimestre del 2021.

Nell’after-market le azioni Disney hanno avuto un aumento del 4%, a 130,49 dollari.