Mercati europei ignorano Wall Street e asiatici in calo

Si avvicina la scadenza del 15 ottobre per la Brexit

Mercati europei ignorano Wall Street e asiatici in calo
2' di lettura

Mercoledì la maggior parte dei mercati europei ha aperto in ribasso dopo il calo di Wall Street di martedì e una sessione debole in Asia. La maggior parte dei titoli si è ripresa con l’avvicinarsi della scadenza per la Brexit, il 15 ottobre; Thierry Breton, commissario europeo per il mercato interno, ha affermato che vorrebbe un accordo, ma ha aggiunto di essere pronto nel caso in cui non venga raggiunto.

Al momento della pubblicazione, l’indice Euro Stoxx 50 è in leggero rialzo, a +0,02%. Gli investitori presteranno attenzione al discorso della presidente della Banca Centrale Europea, Christine Lagarde, e ai dati sulla produzione industriale di agosto, previsti per mercoledì.

L’indice FTSE 100 di Londra sale dello 0,52% mentre la Gran Bretagna si avvicina alla scadenza della Brexit. I sentimenti pessimistici sull’aumento dei casi di coronavirus e sulle restrizioni del governo sono stati compensati da una sterlina più debole, che ha sospinto i titoli di società bancarie ed esportatrici. I dati sulla produttività del lavoro del secondo trimestre sono previsti nella giornata di mercoledì.

Sempre al momento della pubblicazione, l’indice tedesco DAX 30 è risalito dai minimi dell’inizio degli scambi a un +0,28%; i guadagni sono trainati dai titoli automobilistici, bancari e retail. Mercoledì non sono previsti eventi economici di rilievo per la Germania.

L’indice francese CAC 40 è in aumento dello 0,11%, sostenuto dai nomi tecnologici e dei beni di consumo. Nella giornata di mercoledì in Francia non sono previsti eventi economici di rilievo.

L’indice spagnolo IBEX segna +0,43% dopo che l’indice dei prezzi al consumo in Spagna per il mese di settembre è aumentato su base mensile dello 0,2%, in linea con le stime di consenso.

Sempre al momento della pubblicazione, i futures sull’indice del dollaro sono aumentati dello 0,05%, a 93,580 mentre il dollaro guadagna lo 0,06% contro l’euro, a 1,1738 dollari, e lo 0,32% contro la sterlina, a 1,2891 dollari.

ETF da tenere d’occhio mercoledì: Vanguard FTSE Europe ETF (NYSE:VGK) e SPDR Euro Stoxx 50 ETF (NYSE:FEZ).