Microsoft spinge per la promozione dei prodotti Dynamics 365

Con gli ordini arrivati dai piani alti di Redmond al team vendite, l’azienda intende entrare in concorrenza con Salesforce nel mercato del CRM 

Microsoft spinge per la promozione dei prodotti Dynamics 365
1' di lettura

Microsoft Corporation (NASDAQ:MSFT) sta spingendo verso la promozione dei prodotti del segmento Dynamics nel tentativo di migliorare i ricavi del settore Commercial Cloud.

Secondo CNBC, il colosso tech sta chiedendo al suo personale di vendita di rivolgersi ai clienti esistenti per fare in modo che adottino il software di gestione aziendale della compagnia, PowerApps, nonché quello per la gestione delle relazioni con i clienti (CRM).

Cosa è successo: CNBC ha riportato le direttive di Microsoft ai suoi team vendite sulla base delle informazioni privilegiate provenienti da RBC Capital Markets; le iniziative per promuovere il software di CRM del gruppo di Redmond potrebbero portare a una maggiore concorrenza per la quota di mercato con l’attore dominante del settore CRM, Salesforce.com Inc (NYSE:CRM).

Secondo quanto riferito, i dirigenti senior di Microsoft devono convalidare tutti i rinnovi delle licenze aziendali che escludono Dynamics 365 e PowerApps.

Perché è importante: a luglio gli utili del quarto trimestre fiscale di Microsoft hanno registrato una crescita del fatturato su base annua del 38% derivato da Dynamics 365.

Secondo una pubblicazione su CRM.org, Salesforce è l’azienda leader di mercato, con una quota vicina al 19%, mentre Microsoft Dynamic 365 è al quinto posto, con una quota di mercato compresa fra il 3% e il 4%.

Una relazione a cura di Statista pubblicata ad agosto prevede un mercato da 40 miliardi di dollari per i software di CRM entro il 2023.

Inoltre, un rapporto di Grand View Research pubblicato nel mese di aprile prevede, dal 2020 al 2027, un tasso di crescita annuale composto del 14,2% per il mercato dei software di CRM.

Movimento dei prezzi: martedì le azioni MSFT hanno chiuso in crescita dello 0,20%, a 214,65 dollari.

Foto per gentile concessione: Wikimedia