Aggiornamento di mercato per la settimana entrante, 14/12/2020

Oggi parliamo di “salto di liquidità” osservato sui mercati azionari globali

Aggiornamento di mercato per la settimana entrante, 14/12/2020
6' di lettura

Il riassunto della scorsa settimana

Cosa è successo: dopo essersi spinti verso nuovi massimi storici, i futures sugli indici azionari USA sono tornati in equilibrio.

Cosa ricordare: “con la liquidità globale che nel 2020 è balzata di circa 20 trilioni di dollari, ovvero circa il 25% del PIL mondiale, c’è molto da spendere… Si consideri che dopo la Grande Depressione degli anni ’30, c’è voluto circa un decennio per tornare ai precedenti livelli economici. Dopo la Grande Crisi Finanziaria del 2008/9, l’economia mondiale è tornata a livelli normali dopo circa due anni. Ma dagli ultimi dati sembra che ci siano voluti appena sei mesi per riprendersi dalla crisi COVID”, ha dichiarato Michael Howell di Crossborder Capital, in riferimento al denaro utilizzato per sostenere l’economia reale.

“[I]l chiaro avvertimento che viene dalla storia è che ‘…le economie forti non hanno mercati finanziari forti’; in altre parole, se il denaro viene speso nelle principali vie dello shopping (virtuale), non viene investito in azioni. La nostra visione rialzista sulle economie ci costringe a diventare ribassisti sulle azioni”.

Nella foto: sovrimpressione del profilo su un grafico a candele giapponesi a 65 minuti degli E-mini future dell’S&P 500

Scenario Tecnico

Dopo che nella sessione di mercoledì i partecipanti di mercato hanno stabilito un massimo storico da rialzo, l’S&P 500 ha subito una liquidazione nella sessione regolare di scambi, fino al nodo micro-composito ad alto volume vicino ai 3.667,75 dollari, un importante livello di prezzo; successivamente, i partecipanti hanno accettato prezzi inferiori.

Alla luce degli scambi meccanici (cioè un eccesso minimo ai minimi di venerdì) e della povera struttura di trading (ad esempio, aree a basso volume), è molto probabile che la vendita sia stata il risultato di acquirenti scoraggiati e a breve termine che hanno liquidato posizioni in preda al panico.

Dato che resta intatta la possibilità di un’inversione di tendenza in un intervallo di tempo più lungo, gli operatori devono monitorare se gli acquirenti emergeranno al nodo a basso volume dei 3.654,75 dollari ed estenderanno l’intervallo fino al nodo ad alto volume a quota 3.667,75 dollari; a quel punto, una spinta dell’iniziativa fino a quel nodo ad alto volume – il risultato più positivo – farebbe presagire un passaggio al nodo ad alto volume dei 3.690,75 dollari, e quindi al precedente massimo storico.

Se l’indice trascorresse una considerevole quantità di tempo al di sotto dell’intervallo di venerdì, questo metterebbe in attesa l’intero rally.

Scenario sui fondamentali

In un’analisi su Bloomberg, è stata citata una dichiarazione di Larry Dwyer di HSBC Holdings PLC (NYSE:HSBC) riguardo alla visione moderatamente rialzista della sua banca sui Treasury: si stima che alla fine del prossimo anno il rendimento dei titoli di stato decennali USA sarà infatti allo 0,75%.

La Federal Reserve avrebbe adottato politiche restrittive solo una volta negli ultimi 22 anni… o forse per niente: in base alla regola del ‘target di inflazione media’, la Fed dovrebbe infatti avere un atteggiamento espansivo fino a quando l’inflazione non raggiungerà una media superiore al 2% per diversi anni; al contrario, la previsione di consenso implica che il prossimo anno la Fed probabilmente appoggerà future mosse restrittive, oppure che il mercato obbligazionario ignorerà la Fed.

In poche parole, resta intatta l’idea che la strategia di target di inflazione media della Federal Reserve manterrà i tassi più bassi e più a lungo del previsto, facendo parlare di aspettative inflazionistiche nel sistema. Tuttavia la nota giunge in vista del prossimo incontro della Fed di questa settimana: è molto probabile che in assenza di un cambiamento sostanziale nelle politiche (ad esempio, una guidance sull’allentamento monetario) la reazione del mercato all’evento sarà attenuata.

Eventi chiave

  • Martedì: produzione industriale, investimenti in obbligazioni estere, flussi di capitale netti complessivi.
  • Mercoledì: dati MBA sulle domande di mutuo, vendite al dettaglio, indice PMI manifatturiero di Markit, inventari aziendali, indice NAHB sul mercato immobiliare, dati EIA sul cambiamento delle scorte di greggio di Cushing, dati EIA sul cambiamento delle scorte di petrolio distillato, proiezioni economiche del FOMC, decisione sui tassi di interesse della Federal Reserve, conferenza stampa della Federal Reserve.
  • Giovedì: concessioni edilizie; richieste iniziali e continue di nuovi sussidi di disoccupazione; dati sull’avvio di nuove abitazioni; indice di produzione della Fed di Philadelphia.
  • Venerdì: indice CB Leading, discorso di Brainard della Federal Reserve, 2° round di risultati degli stress test sulle banche della Federal Reserve.

Notizie recenti

  • L’accordo fra Unione Europea e Gran Bretagna definito inaccettabile, il che spinge a piani per fare scorte nei negozi e salvataggi.
  • Nonostante i rischi e gli elevati coefficienti CAPE, le valutazioni del mercato azionario potrebbero non essere così assurde.
  • La Cina finalizza la metodologia di valutazione per le banche nazionali e di importanza sistemica.
  • La Banca dei Regolamenti Internazionali lancia un avvertimento sullo scollamento dei prezzi dell’azionario USA.
  • La Banca centrale europea (BCE) ha esteso il suo programma di acquisto di obbligazioni durante la pandemia.
  • State Street Corp (NYSE:STT) e UBS Group AG (NYSE:UBS) sono in trattative per una fusione.
  • Speciale: guerra imminente agli algoritmi nascosti che intrappolano le persone nella povertà perpetua.
  • Trump firma un disegno di legge per scongiurare la chiusura del governo mentre si trascina la discussione sulle misure di intervento contro la pandemia.
  • I prezzi alla produzione negli Stati Uniti sono moderatamente aumentati; nel breve termine, il COVID-19 sta domando l’inflazione.
  • Zurich and Farmers acquisirà MetLife (NYSE:TEM), attività di assicurazione camper.
  • Le aziende tech potrebbero incorrere in multe fino al 6% del loro fatturato qualora non rispettassero le norme dell’Unione Europea.
  • AMC Entertainment Holdings Inc (NYSE:AMC) otterrà 100 milioni di dollari da Mudrick Capital.
  • Hyundai Motor Company (OTC:HYMTF) ha accettato di acquisire una partecipazione in Boston Dynamics.
  • Il Canada affronta il contagio da COVID-19 mentre si avvicinano le vacanze di Natale; il governo valuta restrizioni in merito.
  • Venerdì la Food and Drug Administration ha concesso l’autorizzazione all’uso d’emergenza al vaccino anti-Covid di Pfizer.
  • Un tribunale britannico autorizza un’azione collettiva da 18,5 miliardi di dollari contro Mastercard Inc (NYSE:MA).
  • Le SPAC stanno attirando sempre più interesse, e molte compagnie unicorno stanno salendo a bordo.
  • Gli Stati Uniti fanno causa a Facebook Inc (NASDAQ:FB) per pratiche monopolistiche e ottengono una risposta.
  • Al momento, il rally dell’azionario e dell’obbligazionario corporate resiste all’ondata record di ricoveri da COVID-19.
  • Il mercato immobiliare e il boom delle ristrutturazioni non si sono raffreddati, il che rappresenta un aspetto positivo per i prezzi del legname.
  • General Electric Company (NYSE:GE) riduce il proprio debito e si impegna a condurre una politica di de-risking.
  • Il lancio di Stripe Treasury, un servizio di banking commerciale da parte di Stripe, è negativo per le banche statunitensi.
  • Deutsche Bank AG (NYSE:DB) bada alla stabilità del franchise e ai tagli dei costi per sostenere i profili di credito.
  • Tesla Inc (NASDAQ:TSLA) raccoglie capitali per rafforzare la posizione di cassa in crescita e ridurre l’esposizione debitoria.

Indicatori chiave

  • Sentiment: al 9 dicembre 2020, il sentiment risulta suddiviso fra 48,1% rialzista, 25,1% neutrale, 26,9% ribassista.
  • Esposizione al gamma (tendenza neutra): 4.490.477.859, all’11 dicembre 2020.
  • Indice Dark Pool (tendenza in rialzo): 47,3%, all’11 dicembre 2020.

Foto di Pixabay da Pexels.