Bitcoin, le ‘balene’ non passano all’incasso neanche ai massimi storici

CoinDesk ha rilevato un aumento dei conti che detengono almeno 1.000 BTC

Bitcoin, le ‘balene’ non passano all’incasso neanche ai massimi storici
2' di lettura

I conti in Bitcoin (BTC) che contengono più di 1.000 BTC – per un valore di 38,41 milioni di dollari al momento della pubblicazione – hanno raggiunto il massimo storico di 2.334, secondo quanto riportato giovedì da CoinDesk.

Cosa è successo: i cosiddetti conti ‘whale’ (balena), ovvero quelli con grandi partecipazioni in BTC, sono aumentati del 3,7% da dicembre, quando il numero era pari a 2.221, secondo CoinDesk.

Rispetto al precedente mercato rialzista del 2017, i conti balena sono cresciuti del 30%.

Esistono almeno 6.633 conti che contengono oltre 10 milioni di dollari in BTC, secondo i dati di BitInfoCharts.

Mercoledì il valore di mercato complessivo delle criptovalute ha superato la soglia di 1.000 miliardi di dollari, con BTC che da solo gode di una capitalizzazione di mercato di 685,76 miliardi.

La relazione di revisione trimestrale di CoinDesk Research ha rilevato che il calo di Bitcoin osservato alla fine di dicembre ha suscitato “scarso interesse” nelle prese di profitto da parte dei grandi detentori.

Perché è importante: giovedì Bitcoin ha toccato il massimo storico di 40.180,37 dollari; dall’inizio del nuovo anno ha guadagnato il 32,35%.

Quando durante l’Halftime Show della CNBC di giovedì è stato chiesto a Chamath Palihapitiya dove sia diretto Bitcoin, il presidente di Virgin Galactic Holdings Inc (NYSE:SPCE) ha risposto, “probabilmente andrà a cento, poi a 150 e poi a 200.000”.

“Non so in quale periodo, se tra cinque anni o tra dieci anni, ma sta andando in quella direzione, e il motivo è che ogni volta che succedono tutte queste cose ci si ricorda semplicemente del fatto che wow i nostri leader non sono così affidabili come lo erano in passato”, ha affermato l’investitore miliardario.

Palihapitiya ha descritto la principale criptovaluta del mondo come “un’assicurazione” e ha affermato che Bitcoin ha dato alle persone l’accesso a uno strumento di “copertura non correlato, e che alla fine passerà a qualcosa di molto più importante”.

Il ‘re delle SPAC’ ha iniziato a investire in Bitcoin nel 2012, e da allora ha venduto tutti i suoi BTC detenuti individualmente, optando piuttosto per investimenti attraverso società che possiedono criptovalute.

Movimento dei prezzi: al momento della pubblicazione, Bitcoin era in rialzo del 2,84% a 38.338,34 dollari; giovedì Grayscale Bitcoin Trust (OTC:GBTC) e Grayscale Ethereum Trust (OTC:ETHE) hanno chiuso rispettivamente in crescita del 2,37% a 44,97 dollari e in calo dell’1,18% a 14,61 dollari.