Trump riconosce la “nuova amministrazione” Biden

Il presidente Donald Trump avrebbe riconosciuto il subentro di una nuova amministrazione il 20 gennaio mentre ha invitato a "riportare la calma"

Trump riconosce la “nuova amministrazione” Biden
1' di lettura

Per la prima volta il presidente uscente Donald Trump sembra aver riconosciuto pubblicamente la vittoria elettorale del presidente eletto Joe Biden attraverso una dichiarazione video, a più di 24 ore dalle violente proteste di Capitol Hill; Trump non si è congratulato con Biden e non ha pronunciato il suo nome durante il video.

Il presidente uscente riconosce che una “nuova amministrazione” presterà giuramento il 20 gennaio; “servire come vostro presidente è stato l’onore della mia vita”, ha affermato Trump.

“Abbiamo appena superato un’elezione intensa e le emozioni sono forti, ma adesso gli animi devono raffreddarsi e si deve tornare alla calma. Dobbiamo andare avanti con gli affari dell’America”, ha detto Trump; il presidente uscente ha aggiunto che il Congresso ha certificato i risultati elettorali e che la sua attenzione si è concentrata sul garantire una transizione del potere regolare e ordinata.

Trump ha chiesto “risanamento e riconciliazione” e ha condannato le violenze al Campidoglio; la CNN riferisce che Trump avrebbe travisato il proprio ruolo nel mettere in moto la Guardia Nazionale, dopo che aveva definito i sostenitori che hanno fatto irruzione a Capitol Hill “molto speciali”.

Secondo la CNN, un consigliere della Casa Bianca ha affermato: “Penso che il video sia stato fatto soltanto perché quasi tutto il suo staff senior sta per dimettersi e l’impeachment è imminente”.

Trump dovrà affrontare richieste di rimozione dall’incarico e accuse penali, secondo quanto riferisce Politico.

Twitter Inc (NYSE:TWTR) ha consentito che la dichiarazione venisse pubblicata sull’account di Donald Trump sulla sua piattaforma, il giorno dopo aver imposto una sospensione temporanea del suo profilo; Twitter ha affermato che l’account dovrà anche rimuovere i tweet offensivi e quelli contenenti informazioni errate prima di essere ripristinato.

Immagine cortesemente concessa da Wikimedia