Boeing, solo 157 aerei consegnati nel 2020

Si tratta della peggiore performance da diversi decenni a questa parte

Boeing, solo 157 aerei consegnati nel 2020
2' di lettura

Boeing Co (NYSE:BA) ha annunciato di aver consegnato 59 velivoli nel quarto trimestre del 2020, portando il totale delle consegne nel 2020 a 157, in calo del 59% rispetto al 2019; il 2020 è stato l’anno peggiore per la compagnia dal 1973, quando fece registrare 156 consegne.

Cosa è successo: a dicembre, l’azienda produttrice di aerei con sede a Chicago ha registrato un aumento degli ordini lordi di 737 Max fino a 80 aerei, secondo quanto riportato dalla CNBC. La crisi del 737 Max aveva portato alla messa a terra dell’aereo di linea e alla cancellazione degli ordini per 20 mesi; a novembre Boeing ha ricevuto l’autorizzazione della Federal Aviation Administration (FAA) per far tornare a volare i 737 Max.

La CNBC osserva che nel 2020 Boeing ha assistito a cancellazioni di ordini per oltre 650 aerei, portando a una riduzione del portafoglio ordini di 1.026 aerei, il peggior risultato di sempre; il computo ha tenuto conto delle rettifiche contabili e della rimozione degli ordini di aeromobili che Boeing pensava non sarebbero stati soddisfatti.

La pandemia di COVID-19 e la crisi del 737 Max non sono stati gli unici fattori sfavorevoli che Boeing ha dovuto affrontare nel 2020: i controlli aggiuntivi per il più costoso 787 Dreamliner hanno causato ulteriori problemi all’azienda, portandola a effettuare solo 4 consegne di questo modello nel 2020.

Perché è importante: sebbene la pandemia abbia colpito la domanda dell’intero settore aeronautico, Boeing ha perso una significativa quota di mercato a favore del suo rivale Airbus SE (OTC:EADSY).

Airbus, con sede nei Paesi Bassi, l’anno scorso ha consegnato 566 aerei, con una flessione del 34% su base annua; rettificando il dato per le cancellazioni, nel 2020 la compagnia ha venduto 268 aerei.

Boeing ha ridotto la produzione dei 787 a un numero di 5 al mese, in ribasso rispetto all’obiettivo pre-pandemia di 14 al mese; “mentre continuiamo a navigare nella pandemia, stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri clienti globali e stiamo monitorando la lenta ripresa del traffico internazionale per allineare l’offerta con la domanda del mercato su tutti i nostri programmi a fusoliera larga”, ha affermato Greg Smith, direttore finanziario di Boeing.

Movimento dei prezzi: martedì le azioni BA hanno chiuso in rialzo dello 0,78% a 208,41 dollari.

Immagine cortesemente concessa da Wikimedia