Ecco come accedere ai nostri dati che il Fisco usa per “spiarci”

1' di lettura

Presentando istanza scritta all’Agenzia delle Entrate il contribuente può sapere quali spese guarda il redditometro per definire il suo reddito

C’è un modo per eludere l’occhio indiscreto del “Grande Fratello del Fisco”, il cosiddetto redditometro. Grazie a un provvedimento in vigore dal 4 agosto 2020, ogni contribuente può verificare quante e quali delle sue spese vengano prese in considerazione dall’anagrafe tributaria per ricostruire il suo reddito complessivo.

COS’È IL REDDITOMETRO

Prima di capire come comportarsi per tenere d’occhio la longa manus del Fisco, facciamo un breve punto su come funziona il redditometro, che da luglio dovrebbe rientrare in vigore dopo un blocco durato tre anni. Si tratta di uno strumento che quantifica la capacità contributiva di ogni italiano sulla base di un paniere di spese che comprende oltre 50 voci tra acquisti alimentari, abbigliamento, calzature e medicinali…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.