Tesla, Ford: le ansie per “la scarsità di scorte” proseguiranno

Questa è l’opinione di Gene Munster, socio dirigente di Loup Ventures

Tesla, Ford: le ansie per “la scarsità di scorte” proseguiranno
2' di lettura

Tesla Inc (NASDAQ:TSLA) e Ford Motor Co (NYSE: F) continueranno a registrare un basso livello di scorte per i loro nuovi veicoli a causa della carenza globale di chip e di componenti, come indicato nella nota più recente da Gene Munster, socio dirigente di Loup Ventures.

Cosa è successo

I clienti statunitensi in attesa di acquistare nuove auto hanno dovuto affrontare tempi di consegna prolungati, che in alcuni casi si allungano fino a sei mesi a causa della carenza di semiconduttori.

Secondo la società di venture capital di ricerca, il tempo medio di consegna per il pick-up più venduto negli Stati Uniti, il noto Ford F-150, è di circa quattro-sei mesi, mentre per le Tesla Model 3 e Y il tempo di consegna è compreso fra due e tre mesi.

Il tempo medio di consegna prima della pandemia era di circa un mese e mezzo, secondo Loup Ventures, che ha contattato 50 concessionarie auto statunitensi e ha effettuato un sondaggio presso i venditori sui tempi di consegna delle auto nuove.

Leggi anche: CEO Ford: carenza chip ha cambiato normalità per sempre

“Alcune aziende sopravvivono con le loro scorte attuali, mentre altre come Ford hanno un inventario estremamente esiguo; l’auto più popolare negli Stati Uniti è l’F-150, che abbiamo trovato quasi impossibile da trovare in stock”, ha scritto Munster nella nota.

Il CEO di Ford, Jim Farley, all’inizio di questo mese aveva affermato che la casa automobilistica si affida a un basso livello di inventario e che prevede di “mantenere le nostre scorte a un livello storicamente più basso”.

Elon Musk, amministratore delegato di Tesla, il mese scorso aveva attribuito l’aumento dei prezzi alle pressioni sulla supply chain dovute alla carenza di semiconduttori.

Munster ha osservato che, nonostante i bassi livelli di scorte, nel trimestre di giugno le case automobilistiche Tesla, Ford e Nio Inc. (NYSE:NIO) hanno registrato robusti aumenti su base annua nelle consegne; l’analista di Loup Ventures ha spiegato che ciò è dovuto principalmente ai lockdown di vasta portata legati alla pandemia imposti nello stesso trimestre dell’anno scorso e che i numeri sulle consegne avrebbero potuto essere più alti se non fosse stato per la stretta sui chip.

Leggi anche: Nio registra dato record sulle consegne di giugno

Movimento dei prezzi

Venerdì le azioni Ford hanno chiuso in rialzo del 2,99% a 14,48 dollari e Tesla ha chiuso in aumento dello 0,63% a 656,95 dollari.

Il punto di vista di Benzinga

Le case automobilistiche statunitensi sono alle prese con il minor livello di scorte da quasi dodici anni a questa parte, ma questa potrebbe non essere una cattiva notizia, poiché una combinazione di una solida domanda e di una carenza di veicoli presso i concessionari sta spingendo i prezzi delle nuove auto e i profitti a livelli record.

Foto gentilmente concessa da Ford