Tweet criptico di Jack Dorsey alla comunità di Dogecoin

Il CEO di Twitter e Square ha commentato con un “Wow” sulla piattaforma social; qual è il significato?

Tweet criptico di Jack Dorsey alla comunità di Dogecoin
1' di lettura

Jack Dorsey, amministratore delegato di Twitter Inc (NYSE:TWTR) e Square Inc (NYSE:SQ), giovedì ha scritto un tweet criptico che ha attirato l’attenzione della comunità di Dogecoin (CRYPTO:DOGE).

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo

Dorsey ha semplicemente twittato “Wow”.

greg, ora un leggendario profilo meme su Twitter legato alla comunità di Dogecoin, ha risposto con la sua versione.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Intanto un commentatore ha osservato la profondità della conversazione.

Nel frattempo, il CEO di Tesla Inc. (NASDAQ:TSLA) Elon Musk ha risposto con il suo strano tweet, il cui possibile significato è che Musk voleva interagire con Dorsey tramite messaggi diretti su Twitter.

Al momento della pubblicazione, DOGE scambiava invariato a 0,20 dollari; negli ultimi sette giorni la criptovaluta a tema Shiba Inu è in calo del 3,21%.

Perché è importante

Gli ultimi tweet di Dorsey hanno riguardato l’emendamento Wydens-Lummis-Toomey, che mira a fare chiarezza sul disegno di legge sulle infrastrutture in discussione al Senato degli Stati Uniti.

Il CEO ha anche parlato di un portafoglio non-custodial che Square vuole costruire, chiedendo ai suoi follower di dare una mano in questa iniziativa.

Il “Wow” avrebbe potuto essere un riferimento a uno di quei tweet precedenti; nel gergo di Dogecoin, Wow è anche usato con un modificatore per creare meme e potrebbe dunque riferirsi a tale pratica; gli esempi includono “Tale velocità, molto Wow“, “Tale popolarità, molto Wow” e “Tale libertà, molto Wow“.

Al momento della pubblicazione, non era ancora chiaro cosa intendesse esattamente Dorsey.

Leggi anche: Ecco la criptovaluta con il rendimento migliore a luglio