Alibaba in ripresa, spinge al rialzo l’Hang Seng di Hong Kong

Nel frattempo, i titoli delle aziende rivali di Nio - Li Auto e Xpeng - continuano a salire grazie all’ottimismo per i dati di vendita delle auto elettriche

Alibaba in ripresa, spinge al rialzo l’Hang Seng di Hong Kong
2' di lettura

Martedì le azioni di Alibaba Group Holding Limited (NYSE:BABA), JD.Com Inc. (NASDAQ:JD), Baidu Inc. (NASDAQ:BIDU), Xpeng Inc. (NYSE:XPEV) e Li Auto Inc. (NASDAQ:LI) sono aumentate a Hong Kong, mentre Tencent Holdings Inc. (OTC:TCEHY) ha perso terreno.

I movimenti

Le azioni quotate a Hong Kong del colosso cinese dell’e-commerce Alibaba hanno guadagnato l’1,8% a 165,90 dollari hongkonghesi, le azioni della rivale JD.com sono salite dell’1,5% a 322,60 dollari hongkonghesi e le azioni della società tecnologica Baidu hanno avuto un aumento di poco meno dello 0,1% a 167,80 dollari hongkonghesi.

Secondo un report uscito lunedì, che cita il gruppo mediatico cinese Caixin, alla fine di questa settimana Alibaba prevede di lanciare il suo primo processore per server progettato appositamente per alimentare la propria attività di cloud computing.

Martedì le azioni del conglomerato tecnologico Tencent Holdings hanno ceduto quasi lo 0,4% a 495,20 dollari hongkonghesi.

Nel frattempo, le azioni del produttore di veicoli elettrici Xpeng sono aumentate dell’1,9% a 169,20 dollari hongkonghesi e le azioni di Li Auto hanno guadagnato l’1,1% a 118,60 dollari hongkonghesi.

Le case automobilistiche stanno estendendo i guadagni alla quarta sessione consecutiva dopo i robusti dati di vendita di settembre sui veicoli elettrici nella Cina continentale.

Al momento della pubblicazione di questo articolo, l’indice Hang Seng di Hong Kong era in aumento dell’1,3%; lunedì l’indice ha chiuso in rialzo dello 0,3%.

Perché si sta muovendo?

Martedì l’indice Hang Seng è in rialzo per il terzo giorno consecutivo, sostenuto dai guadagni di Alibaba e di altri titoli tech.

Tuttavia, gli investitori restano cauti a causa dei timori per la crisi dell’indebitata China Evergrande Group (OTC:EGRNY).

A settembre le vendite immobiliari in Cina hanno registrato una flessione del 20% rispetto all’anno scorso, poiché la crisi debitoria di Evergrande ha indebolito la propensione al rischio, secondo quanto riportato dal South China Morning Post, che cita BCA Research.

Questa settimana le società di sviluppo immobiliare Sunac China e Kaisa Group hanno dichiarato di aver effettuato i pagamenti delle cedole sulle obbligazioni, secondo quanto riportato martedì da Reuters.

Lunedì le azioni delle società cinesi hanno chiuso perlopiù in aumento nelle piazze di scambio statunitensi nonostante i principali indici azionari USA abbiano registrato una performance contrastata.

Le azioni di Alibaba hanno chiuso in calo dello 0,7%, mentre quelle di Nio hanno chiuso con un +5%.