Tesla, ora l’azienda deve concentrarsi su due punti chiave

Tesla ha superato i $1.000 mld di market cap, ma secondo un analista, adesso deve risolvere due importanti questioni

Tesla, ora l’azienda deve concentrarsi su due punti chiave
2' di lettura

Il titolo Tesla, Inc. (NASDAQ:TSLA) sta estendendo i guadagni in Borsa da lunedì, giorno in cui ha raggiunto per la prima volta una capitalizzazione di mercato di 1.000 miliardi di dollari.

Cosa dicono gli analisti su Tesla

L’analista di Wedbush Daniel Ives ha mantenuto sul titolo Tesla il rating Outperform, con un target price di 1.100 dollari; secondo Ives, il prezzo obiettivo da caso rialzista è di 1.500 dollari.

I punti salienti su Tesla

Tesla è un attore tecnologico dirompente e non un titolo automobilistico, data la sua roccaforte da 5.000 miliardi di dollari nel prossimo decennio nel mercato dei veicoli elettrici, ha affermato Ives in una nota.

L’analista ha dichiarato che l’accordo con Hertz Global Holdings, Inc. (PNK:HTZZ) sarà visto come un punto di svolta per l’industria dei veicoli elettrici, poiché l’accordo per la fornitura di 100.000 veicoli elettrici Model 3 – per un valore di oltre 4 miliardi di dollari – indica una maggiore adozione generale delle auto elettriche, secondo Ives.

“Riteniamo che questa sia la maggior trasformazione nell’industria automobilistica dagli anni ’50, con un maggior numero di consumatori che nei prossimi anni imboccherà il sentiero dei veicoli elettrici”.

Per Tesla, devono verificarsi due eventi chiave affinché l’azienda possa innestare la marcia successiva in termini di crescita/margini, ha affermato l’esperto di Wedbush.

Leggi anche: Tesla, market cap da $1.000 mld: quanto tempo ci è voluto?

In primo luogo, Tesla deve alleviare lo squilibrio tra domanda e offerta che sta subendo, ha spiegato Ives.

Tesla sta affrontando in tutto il mondo un problema di “alto livello” di domanda che supera l’offerta, in particolare per la Model Y e la Model 3, ha affermato l’analista.

Ives ritiene che la chiave per alleviare questi problemi sia incentrata sulle aperture delle Gigafactory di Austin e Berlino, che secondo l’analista permetteranno all’azienda di far fronte ai colli di bottiglia della produzione a livello globale.

Entro la fine dell’anno prossimo Tesla avrà una capacità complessiva di oltre 2 milioni di unità all’anno, rispetto all’attuale milione circa, ha dichiarato l’analista.

In secondo luogo, la Cina deve continuare a girare per Tesla, soprattutto dopo i problemi di pubbliche relazioni e sicurezza affrontati all’inizio di quest’anno dall’azienda, prosegue Ives.

Per il 2022, Wedbush stima che la Cina rappresenterà oltre il 40% delle consegne globali dell’azienda, sottolineando l’importanza di quest’area per la tesi rialzista a lungo termine di questa storia; la Cina vale 300 dollari per azione per la storia di Tesla, ha concluso Ives.

Movimento dei prezzi TSLA

All’ultimo controllo, le azioni Tesla erano in aumento dello 0,11% a 1.026,03 dollari.