Facebook, 4 titoli che possono beneficiare del nuovo nome

Ecco 4 aziende che possono trarre vantaggio dall’ingresso del colosso di Menlo Park nel settore del metaverso

Facebook, 4 titoli che possono beneficiare del cambio di nome
3' di lettura

Una delle notizie più importanti nel mondo degli investimenti emersa giovedì riguarda il cambio di nome e di simbolo di Borsa da parte di Facebook Inc (NASDAQ:FB); la compagnia ha cambiato nome in Meta e il 1° dicembre cambierà il suo ticker in MVRS.

Giovedì l’annuncio di Facebook ha spinto al rialzo molti titoli relativi alla realtà aumentata e virtuale.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Ecco uno sguardo a quattro società che hanno legami con Facebook o che hanno annunciato piani per il metaverso in seguito all’annuncio della società.

Ray Ban

La società di occhiali Ray-Ban, divisione di EssilorLuxottica (OTC:ESLOY), ha in atto una partnership con Facebook che potrebbe ottenere una spinta grazie all’all-in dell’azienda di Menlo Park sul metaverso.

Secondo le immagini trapelate e mostrate da Bloomberg, un orologio sviluppato da Facebook presenta una fotocamera frontale e uno schermo arrotondato; l’immagine è stata trovata all’interno dell’app dell’azienda per il lancio dei suoi occhiali smart in collaborazione con Ray-Ban.

Ray-Ban potrebbe finire per avere una partnership più estesa con Facebook, come inizialmente previsto dagli investitori; l’orologio di Facebook potrebbe essere lanciato l’anno prossimo e potrebbe competere con i prodotti di Apple Inc (NASDAQ:AAPL) – tre nuovi orologi del colosso di Cupertino usciranno nel 2022 – e di altre società. Gli orologi di Apple e Samsung non hanno fotocamere, un aspetto che potrebbe dare un vantaggio a Facebook.

Ray-Ban trarrà vantaggio dal fatto che Facebook scommette fortemente su realtà aumentata, realtà virtuale e occhiali smart, data l’attuale partnership; il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha dichiarato che gli occhiali Ray-Ban fanno parte del “viaggio verso gli occhiali per realtà aumentata in futuro” dell’azienda.

Leggi anche: Nuovo nome Facebook, 10 titoli AR/VR da tenere d’occhio

WiMi Hologram

Uno dei titoli che venerdì è stato maggiormente favorito dal momentum di Facebook è WiMi Hologram Cloud (NASDAQ:WIMI); secondo un comunicato stampa, la società ha presentato una domanda di marchio per ‘WIMI METAVERSE’.

“Ciò aiuterà l’azienda a migliorare ulteriormente il sistema di protezione della proprietà intellettuale, a mantenere la posizione di leadership in questa tecnologia e a migliorare la competitività di base dell’azienda”, ha affermato WiMi.

Il gruppo prevede di utilizzare il marchio relativamente alla vendita di pubblicità, servizi di comunicazione, forniture per ufficio, istruzione, intrattenimento e altri settori.

Secondo quanto riferito, WiMi detiene 4.654 diritti di proprietà intellettuale sulla realtà virtuale olografica che coprono argomenti come virtual idol e virtual social; la società prevede di fornire valore commerciale dalla sua proprietà intellettuale esistente e futura.

Matterport

Venerdì le azioni di Matterport (NASDAQ:MTTR) sono balzate del 19% poiché la società è stata menzionata come una scommessa sul metaverso e per la sua connessione con Facebook.

All’inizio di quest’anno la società ha stretto una partnership con Facebook per creare il maggior set di dati di spazi interni 3D, in collaborazione con Facebook AI Research.

“Mi piace pensare che digitalizzando il mondo costruito, Matterport stia creando il Metaverso”, ha detto venerdì a Benzinga un portavoce di Matterport.

Secondo il portavoce, la società è ottimizzata per l’impiego di Oculus Quest di Facebook utilizzando la modalità di realtà virtuale nella piattaforma di Matterport.

eMagin

Un altro nome da tenere d’occhio nel settore delle partnership con Facebook è la small cap eMagin Corp (AMEX:EMAN); i trader hanno diffuso un articolo di OLED Info risalente ad agosto nel quale si evidenzia una possibile partnership tra Facebook ed eMagin per un dispositivo di realtà aumentata o virtuale.

L’articolo mette in evidenza diversi annunci di lavoro per le due società e un possibile accordo sulla tecnologia OLED; nel 2017 Oculus ha collaborato con eMagin sui display di superficie, secondo il report.

eMagin e Facebook non hanno rivelato una collaborazione ufficiale, dunque per il momento si tratta di una speculazione; data la caccia ai titoli di realtà aumentata e realtà virtuale, EMAN potrebbe essere uno di quelli da tenere d’occhio data la possibile connessione con Oculus.

Leggi anche: Meta, il nuovo nome di Facebook fa salire un altro titolo