Novavax, perché il titolo è in aumento oggi?

L'Agenzia europea per i medicinali ha raccomandato l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata per il vaccino anti-Covid della biotech statunitense

Novavax, perché il titolo è in aumento oggi?
1' di lettura

Lunedì in apertura di mercato, le azioni Novavax Inc (NASDAQ:NVAX) hanno avuto un rialzo dopo che la società ha annunciato che l’Agenzia europea per i medicinali ha raccomandato la concessione dell’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata per il suo vaccino anti-Covid, NVX-CoV2373, al fine di prevenire il COVID-19 nelle persone di età pari o superiore a 18 anni.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Se l’autorità di regolamentazione farmaceutica dell’Unione Europea concederà l’approvazione, Novavax potrebbe iniziare a fornire i vaccini nel primo trimestre del 2022; in seguito all’autorizzazione, NVX-CoV2373 sarà commercializzato nell’UE col nome di Nuvaxovid.

“Novavax apprezza l’opinione positiva del CHMP sul nostro vaccino e aspettiamo ora la decisione da parte della Commissione Europea; un’autorizzazione da parte della Commissione consegnerebbe il primo vaccino a base di proteine all’Unione Europea, in un momento critico in cui riteniamo che la possibilità di scegliere fra diversi vaccini porterà a una maggiore immunizzazione”, ha dichiarato Stanley Erck, presidente e CEO di Novavax.

Novavax è una società biotecnologica che sviluppa vaccini; l’azienda lavora nella fase clinica di sviluppo, con l’obiettivo di fornire nuovi prodotti che prevengano un’ampia gamma di malattie.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Vedi anche: Novavax lavora a vaccino contro variante Omicron

Movimento dei prezzi di NVAX

Nelle ultime 52 settimane le azioni Novavax hanno scambiato fra un minimo di 107,08 dollari e un massimo di 331,68 dollari.

Al momento della pubblicazione, il titolo era in aumento dell’8,60% a 236 dollari.

Foto: da Flickr