Oro rende più di BTC e azioni. Ma ripara dall’inflazione?

Negli ultimi 3 mesi l’oro ha fatto il +3,9%, l’S&P 500 il +1,1% e Bitcoin addirittura il -32,6%, ma quest’ultimo viene ritenuto il miglior hedge contro l’inflazione

Oro rende più di BTC e azioni. Ma ripara dall’inflazione?
2' di lettura

Negli ultimi tre mesi gli investitori si sono preoccupati per il possibile impatto negativo dato dalla presenza di elevati livelli di inflazione e dall’aumento dei tassi di interesse nel 2022; tuttavia, mentre i prezzi delle azioni e delle criptovalute hanno arrancato, l’oro ha sovraperformato entrambi.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Una performance dorata

Negli ultimi tre mesi l’SPDR S&P 500 ETF Trust (NYSE:SPY) è salito solo dell’1,1% mentre Bitcoin (CRYPTO:BTC) è in calo del 32,6%; nel frattempo l’SPDR Gold Trust (NYSE:GLD) guadagnava il 3,9%.

“Nonostante l’aumento dei tassi e dei rendimenti reali, l’oro ha retto relativamente bene da inizio anno”, ha dichiarato John Lynch, Chief Investment Officer di Comerica Wealth Management. “Le aziende di estrazione dell’oro [stanno] guadagnando slancio e i flussi di ETF sono stati deboli, quindi vale la pena guardare se i prezzi possono testare la resistenza intorno ai 1.875 dollari”.

Giovedì, a metà della giornata di contrattazioni, l’oro scambiava a circa 1.839,74 dollari l’oncia.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Ti potrebbe interessare: M&A nel settore aurifero, previsto rimbalzo nel 2° semestre

I vantaggi di Bitcoin

Ma nonostante la forza relativa dell’oro negli ultimi tempi, molti investitori vedono ancora Bitcoin come la miglior copertura a lungo termine contro l’inflazione; Nigel Green di deVere Group ha recentemente dichiarato che esistono diversi motivi per cui Bitcoin costituisce una scelta migliore rispetto all’oro.

“A differenza dell’oro, [Bitcoin] è un’unità di conto fissa e facilmente divisibile e trasportabile. L’oro non è facilmente divisibile in modo immediato e ci sono possibili problemi di purezza e di verifica, mentre Bitcoin viene facilmente tracciato sulla tecnologia blockchain. Questo sarà un vantaggio considerevole, specialmente nelle transazioni transfrontaliere”, ha scritto Green.

Il punto di vista di Benzinga

Il maggior vantaggio di Bitcoin come copertura contro l’inflazione è la sua performance a lungo termine, con un rendimento di oltre 1.000% nei soli ultimi tre anni. Per investitori che cercano un rifugio sicuro dalla volatilità di mercato nel breve termine, un investimento in oro può essere però molto meno stressante rispetto a Bitcoin, che è un asset estremamente volatile.

Leggi anche: 3 titoli da considerare per il rally dell’oro