5 nomi energetici consigliati durante lo shock petrolifero

L'analista di Bank of America Christopher Kuplent ha nominato Equinor, Shell, TotalEnergies, Eni e BP fra i titoli europei di petrolio e gas su cui puntare  

5 nomi energetici consigliati durante lo shock petrolifero
2' di lettura

Secondo BofA Securities, sembra esserci ulteriore possibilità di rialzo per le grandi compagnie petrolifere; gli scenari di sconvolgimento geopolitico forse sono ancora sottovalutati.

Le prospettive europee per il petrolio e il gas 

L’analista Christopher Kuplent ha nominato Shell e TotalEnergies come prime scelte fra le “Big Oil” e ha modificato i prezzi target per:



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!
  • Equinor ASA (NYSE:EQNR) — rating alzato da Neutral a Buy e target price alzato da 266 corone norvegesi (29,65 dollari) a 425 corone norvegesi (47,37 dollari) per azione.
  • Shell PLC (NYSE:SHEL) — mantenuto rating Buy, obiettivo di prezzo alzato da 2.450 sterline (32,15 dollari) a 2.750 sterline (36,09 dollari).
  • TotalEnergies SE (NYSE:TTE) — mantenuto rating Buy, target di prezzo incrementato da 62 euro (67,64 dollari) a 73 euro (79,64 dollari).
  • Eni SpA (NYSE:E) — mantenuto rating Neutral, target price elevato da 14,30 euro (15,60 dollari) a 18,10 euro (19,75 dollari).
  • BP plc (NYSE:BP) — rating elevato da Underperform a Neutral e prezzo obiettivo alzato da 360 sterline (4,73 dollari) a 410 sterline (5,38 dollari).

La tesi sul petrolio e il gas europei 

Le previsioni per il petrolio Brent sono state alzate a una media di 110 dollari al barile fino al 2023 e “più significativamente, per i prezzi del gas europeo TTF (Title Transfer Facility), a una media di circa 200 dollari al barile nello stesso lasso di tempo”, ha detto Kuplent nella nota.

“Le nostre previsioni aggiornate sulle materie prime ci lasciano con un rialzo medio di quasi il 50% rispetto alle stime di consenso sugli utili per il 2022-23 e un 25% medio di rendimento del flusso di cassa libero nello stesso lasso di tempo”, ha aggiunto l’analista di Bank of America.

“Le nostre prime scelte sulle Big Oil, Shell e TTE (TotalEnergies), si collocano nella fascia più alta di questo intervallo; beneficiano infatti delle loro posizioni di leadership nei mercati globali del gas naturale liquefatto — con un calo di prezzo delle azioni TTE di oltre il 10% dall’invasione russa dell’Ucraina che indica come TTE abbia sovrastimato la dipendenza del flusso di cassa dalla Russia”, ha scritto l’analista.

Vuoi leggere altre notizie sui mercati azionari e le criptovalute? Non perderti la nostra newsletter per imparare a fare trading sulle opzioni.