Facebook permette l’odio, ma solo contro i russi

Meta Platforms ha annunciato che su Facebook e Instagram sarà possibile augurare la morte a Putin e ai militari russi impegnati in Ucraina  

Facebook permette l’odio, ma solo contro i russi
2' di lettura

Meta Platforms Inc (NASDAQ:FB) consentirà agli utenti delle sue piattaforme di social media in alcuni Paesi di invocare la violenza contro russi e soldati russi nel contesto dell’invasione dell’Ucraina, secondo un report di Reuters. 

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo 

La società guidata da Mark Zuckerberg lascerà che alcuni post su Facebook e Instagram in Paesi come Russia, Ucraina e Polonia possano invocare la morte del Presidente russo Vladimir Putin o di quello bielorusso Alexander Lukashenko, come riporta Reuters.

“Come risultato dell’invasione russa dell’Ucraina, abbiamo temporaneamente permesso forme di espressione politica che normalmente violerebbero le nostre regole; questo vale per i discorsi violenti del tipo ‘morte agli invasori russi’”, secondo una dichiarazione del portavoce di Meta citata da Reuters.

Leggi anche: eBay presenta il suo primo wallet digitale 



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Tuttavia, secondo il report, il colosso dei social media non permetterà “appelli credibili alla violenza contro i civili russi”.

I cambiamenti temporanei di policy sugli appelli alla violenza si applicheranno ad Armenia, Azerbaigian, Estonia, Georgia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania, Russia, Slovacchia e Ucraina.

Perché è importante 

La corrispondenza interna di Facebook indica che l’azienda sta apportando queste modifiche poiché ha rilevato che il termine “soldati russi” viene utilizzato per intendere l’esercito russo, ha osservato Reuters.

La decisione giunge pochi giorni dopo che la Russia ha vietato Facebook, in seguito alla firma di una legge sulle “fake news” da parte di Putin che rende illegale la segnalazione di qualsiasi evento che possa screditare l’esercito russo. 

Movimento dei prezzi 

Le azioni Meta hanno chiuso la sessione regolare di giovedì in ribasso dell’1,7% a 195,21 dollari e in after-market hanno poi ceduto lo 0,2%.

Vuoi leggere altre notizie sui mercati azionari e le criptovalute? Non perderti la nostra newsletter per imparare a fare trading sulle opzioni.