Perché le azioni Virgin Galactic sono ancora in calo?

Nella sessione after-hours di giovedì Virgin Galactic ha pubblicato i risultati finanziari del 1° trimestre: vediamo com’è andata  

Perché le azioni Virgin Galactic sono ancora in calo?
1' di lettura

Nella sessione after-hours di giovedì le azioni Virgin Galactic Holdings Inc (NYSE:SPCE) si sono mosse in ribasso; questo dopo che l’azienda ha riportato i risultati finanziari.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Per il primo trimestre Virgin Galactic ha riportato una perdita netta di 93 milioni di dollari, in miglioramento tuttavia su base annua rispetto a una perdita netta di 130 milioni; l’azienda ha registrato una perdita EBITDA rettificata di 77 milioni. Si tratta di un dato peggiore rispetto alla perdita di 56 milioni riportata nello stesso trimestre dell’anno precedente.  

Virgin Galactic ha affermato che la sua posizione di cassa resta solida, con 1,22 miliardi di dollari in disponibilità liquide e mezzi equivalenti, liquidità vincolata e titoli negoziabili; anche la domanda di biglietti rimane forte, con circa 800 prenotazioni future di astronauti.

“Non vediamo l’ora di tornare nello spazio nel quarto trimestre e di lanciare il servizio commerciale nel primo trimestre del prossimo anno”, ha dichiarato Michael Colglazier, CEO di Virgin Galactic.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Il volo spaziale di prova VSS Unity dovrebbe aver luogo nel quarto trimestre; l’avvio del servizio commerciale era previsto proprio nel quarto trimestre. L”obiettivo iniziale è stato però spostato al primo trimestre del 2023 a causa dei vincoli della supply chain e della manodopera.  

Intervallo a 52 settimane di SPCE: 6,70 — 57,50 dollari 

Nella sessione after-hours il titolo ha ceduto il 2,66% a 7,31 dollari.

Foto per gentile concessione di Virgin Galactic

Tieniti aggiornato su tutte le ultime notizie e le idee di trading seguendo Benzinga Italia su Twitter.