Ecco i 6 titoli più performanti su Robinhood nel 2022

Quali sono i 6 titoli azionari degli utenti Robinhood con le migliori performance dall’inizio del 2022?

Ecco i 6 titoli più performanti su Robinhood nel 2022
5' di lettura

L’SPDR S&P 500 ETF Trust (NYSE:SPY) ha avuto un brutale inizio di 2022, con un calo del 12,1% da inizio anno; Robinhood Markets Inc (NASDAQ:HOOD) è stato uno dei titoli in peggior ribasso di tutti da inizio 2022, avendo perso il 43,3%.

L’anno scorso i trader di Robinhood sono stati tra i principali protagonisti del mercato, avendo generato enormi rendimenti dagli short squeeze sui meme stock e avendo cavalcato l’onda dei titoli tecnologici ad alta crescita; purtroppo quest’anno il vento è cambiato per i titoli growth, ma una manciata di titoli tra i primi 100 detenuti dagli utenti di Robinhood ha ottenuto risultati eccezionalmente positivi anche nel 2022.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Ecco i sei titoli più performanti dall’inizio dell’anno detenuti dagli utenti di Robinhood.

6. Catalyst Pharmaceuticals Inc (NASDAQ:CPRX)

Catalyst Pharmaceuticals è un’azienda biofarmaceutica focalizzata sullo sviluppo e la commercializzazione di terapie innovative per le persone affette da malattie neuromuscolari e neurologiche rare e debilitanti.

L’azienda sembra avere molto momentum positivo, avendo incassato tra l’altro l’esclusività di farmaco orfano per FIRDAPSE e tre nuovi brevetti per il trattamento dei pazienti colpiti da sindrome miastenica di Lambert-Eaton (LEMS). Nel 2021 Catalyst ha registrato un fatturato di 141 milioni di dollari; la guidance per il 2022 prevedeva ricavi compresi tra 195 e 205 milioni.

Le azioni Catalyst sono in rialzo del 15,1% da inizio anno. Tale performance potrebbe non sembrare straordinaria, ma è certamente sufficiente a fare di questo nome uno dei migliori titoli di Robinhood in un mercato del 2022 incredibilmente debole.

5. United Airlines Holdings Inc (NASDAQ:UAL)

United Airlines è una delle quattro principali compagnie aeree statunitensi (le cosiddette “big four”).

Gli investitori di Robinhood detengono un’ampia gamma di titoli dell’industria turistica (travel stocks) tra le loro prime 100 partecipazioni; scommettono infatti su un enorme rimbalzo del settore quest’anno. United è il titolo dalle migliori performance sia nel gruppo dei travel stocks su Robinhood che nella top 100 dei titoli detenuti sulla piattaforma, con un aumento del 18,5% da inizio anno.

Ad aprile United ha dichiarato che intende andare in profitto nel 2022 e che prevede margini operativi del 10% nel secondo trimestre; inoltre, la società stima che i ricavi per miglio passeggero supereranno del 17% i livelli pre-pandemia del 2019.

4. Zynga Inc (NASDAQ:ZNGA)

Zynga è specializzata nel gaming sui social media, con giochi come Chess with Friends, Crazy Cake Swap, Draw Something e FarmVille.

A gennaio gli azionisti di Zynga hanno ricevuto l’eccellente notizia che la società è stata acquisita dallo sviluppatore di videogiochi Take-Two Interactive (NASDAQ:TTWO) per 12,7 miliardi di dollari, ad un prezzo di acquisto di 9,86 dollari per azione; in quel momento il prezzo di acquisto rappresentava un premio del 64% rispetto al prezzo di chiusura del giorno precedente di Zynga.

Anche se l’accordo di acquisto sembrerebbe limitare il rialzo, le azioni Zynga scambiano ancora ben al di sotto del prezzo di acquisto a 8,45 dollari. Il titolo è in aumento complessivo del 32,8% da inizio anno.

3. Energy Transfer LP (NYSE:ET)

L’invasione russa dell’Ucraina si è combinata con la domanda di energia già in forte espansione a causa della riapertura economica globale, causando un’impennata dei prezzi di petrolio, gas naturale e carbone nel 2022; non sorprende che il settore energetico sia stato una delle poche note positive del mercato quest’anno.

Energy Transfer è un fornitore leader di infrastrutture midstream per il petrolio e il gas, con particolare attenzione alla U.S. Lower 48 e un’enfasi sulla logistica dei liquidi; proprio questa settimana la società ha registrato un utile netto attribuibile ai partner di 1,27 miliardi di dollari e ha aumentato la sua distribuzione trimestrale del 30% a 0,80 dollari su base annua (dividend yield di circa il 6,5%).

Le azioni di Energy Transfer sono in rialzo del 46,7% da inizio anno.

2. Exxon Mobil Corp (NYSE:XOM)

Esistono molti titoli di energia green e di auto elettriche tra le prime 100 partecipazioni di Robinhood; tuttavia le “big oil” sono in cima alla lista degli investimenti dalle migliori performance.

Exxon Mobil è la principale compagnia petrolifera degli Stati Uniti. La società ha cavalcato l’ondata dell’impennata dei prezzi dell’energia, realizzando enormi profitti da inizio anno. Monostante abbia registrato una perdita di 3,4 miliardi di dollari per le sue attività in Russia, infatti, Exxon ha riportato utili del primo trimestre di 5,5 miliardi; inoltre, la società ha riacquistato azioni proprie per 2,1 miliardi e ha affermato che intende effettuare un buyback totale di 30 miliardi entro il 2023. Oltre a questo, le azioni Exxon pagano un dividendo del 3,8%.

Il titolo ha guadagnato il 49,8% da inizio anno.

1. Marathon Oil Corporation (NYSE:MRO)

Non dovrebbe sorprendere che il titolo più performante dell’anno detenuto dagli utenti di Robinhood faccia parte del settore del gas e petrolio. Marathon Oil è una società upstream indipendente che opera principalmente negli Stati Uniti; le sue attività sono integrate da asset presenti nella Guinea Equatoriale.

Nel primo trimestre Marathon ha generato 940 milioni di dollari di flusso di cassa libero rettificato e ha restituito metà del suo cash flow operativo (CFO) agli investitori tramite 592 milioni di dollari in buyback e 52 milioni in pagamenti di dividendi; Marathon si è impegnata a restituire almeno il 40% del CFO agli investitori e quest’anno ha già riacquistato azioni per 900 milioni di dollari.

Anche escludendo il dividendo dell’1,1%, Marathon Oil è di gran lunga il titolo Robinhood più performante del 2022, in crescita del 68,6% da inizio anno.