La navigazione in incognito di Chrome è davvero tale?

Il procuratore generale del Texas ha citato in giudizio Alphabet (società madre di Google) in merito alla modalità di navigazione in incognito  

La navigazione in incognito di Chrome è davvero tale?
2' di lettura

Google, consociata di Alphabet Inc (NASDAQ:GOOGL) (NASDAQ:GOOG), giovedì è stata citata in giudizio dal procuratore generale del Texas Ken Paxton per la sua funzione di navigazione web privata.  

Cosa è successo 

Paxton ha presentato una versione modificata della causa sulla privacy contro il colosso dei motori di ricerca, in aggiunta a un’azione legale intentata a gennaio, ha riferito Reuters.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Secondo quanto riferito, Texas, Indiana, lo Stato di Washington e il Distretto di Columbia a gennaio avrebbero intentato cause separate contro Google nei rispettivi tribunali statali in merito alle sue pratiche di localizzazione.

La causa modificata intentata dal Texas sostiene che Google raccoglie ingannevolmente i dati personali anche dopo che un utente ha attivato la ‘modalità di navigazione in incognito’.

Google ha affermato che l’azione intentata da Paxton è “basata su affermazioni imprecise e asserzioni obsolete sulle nostre impostazioni”, secondo Reuters.

Il gigante dei motori di ricerca ha affermato che “contesterà fortemente queste affermazioni” e che si difenderà “vigorosamente” per “mettere le cose in chiaro”.

Perché è importante 

In precedenza, Paxton ha affermato che Google ha continuato a tracciare la posizione dei suoi utenti anche se ha cercato di impedirlo, ha riferito Reuters.

Nelle pagine di supporto di Google, la società spiega che la modalità di navigazione in incognito impedisce a Chrome di salvare l’attività del browser nella cronologia locale; tuttavia potrebbe comunque essere visibile a soggetti esterni come i siti web visitati, il datore di lavoro, gli amministratori di rete e i motori di ricerca.

Ad aprile l’azienda rivale Apple Inc (NASDAQ:AAPL) ha lasciato un gruppo di lobbying sulla privacy favorevole al settore — che conta Google tra i suoi membri — affermando che la State Privacy and Security Coalition ha fatto pressioni per far passare leggi sulla privacy deboli che hanno avvantaggiato il settore anziché gli utenti. 

Tieniti aggiornato su tutte le ultime notizie e le idee di trading seguendo Benzinga Italia su Twitter.