Sviluppatori contro Meta per le commissioni sul metaverso

Secondo gli sviluppatori delle app per i visori di realtà virtuale di Meta, Zuckerberg approfitta del dominio nel settore del metaverso per imporre tariffe spropositate. Ecco tutti i dettagli

Sviluppatori contro Meta per le commissioni sul metaverso
2' di lettura

Secondo il Financial Times, Meta Platforms, Inc (NASDAQ:META) avrebbe subito delle critiche per le commissioni sulle sue attività legate al metaverso.

Gli sviluppatori si sono lamentati delle commissioni fissate per le app dedicate ai suoi visori di realtà virtuale; questo nonostante le critiche del capo Mark Zuckerberg contro le politiche tariffarie sugli app store mobili esistenti, come quello di Apple Inc (NASDAQ:AAPL).



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Apple ha reagito quando il produttore del visore Oculus ha addebitato una “commissione di piattaforma” del 17,5% per Horizon Worlds — la sua “esperienza social di realtà virtuale” — e ha imposto una tassa del 30% sugli acquisti digitali, simile a quella di Apple e Android.

Meta ha affermato che, a differenza dei proprietari di iPhone, gli utenti di Quest possono installare app al di fuori dell’app store ufficiale di Apple tramite un app store esterno, SideQuest, oppure possono utilizzare AppLap, il suo app store meno limitato e più sperimentale. 

Meta ha riconosciuto di promuovere la scelta e la concorrenza nell’ecosistema della realtà virtuale, producendo un rendimento finanziario sostanziale per gli sviluppatori; questi ultimi hanno però riscontrato un impatto limitato dalle modifiche.  

Gli utenti hanno scaricato SideQuest 396.000 volte, contro i 19 milioni dell’app Oculus. 

Meta ha riposto le sue speranze nel metaverso per poter sviluppare un mercato di consumo multimiliardario; l’azienda si è impegnata a spendere 10 miliardi di dollari all’anno nel corso dei prossimi dieci anni per il mondo virtuale immersivo pieno di avatar.

Anche Apple intende entrare nel settore del metaverso rilasciando un set di occhiali per realtà aumentata; allo stesso tempo, Microsoft Corp (NASDAQ:MSFT) ha sviluppato servizi utilizzando il visore per realtà virtuale HoloLens.   

Gli sviluppatori ritengono che Meta eserciti un dominio su questo mercato favorendo alcuni soggetti e rallentandone altri fino all’ingresso di attori più importanti come Apple e non solo; inoltre, gli sviluppatori sono preoccupati per lo scarso livello di trasparenza di Meta sull’apertura del suo app store dedicato alla realtà virtuale.

Vari gruppi di esperienze immersive hanno trovato complicato ottenere qualcosa nello store Quest rispetto agli store di Apple o Android.

Gli analisti hanno suggerito una mancanza di interesse sul fronte del metaverso in seguito al cambio di nome e di ticker da parte di Meta; gli esperti di Needham vedono il calo del valore del marchio di Meta come un indicatore chiave dell’aumento dei costi di acquisizione dei clienti e dei livelli di abbandono, nonché del minor potere di determinazione dei prezzi.  

Needham considera inutili le iniziative di Meta per recuperare il ritardo con TikTok e YouTube — consociata di Alphabet Inc. (NASDAQ:GOOG) (NASDAQ:GOOGL) — nel settore video e con Amazon.com Inc (NASDAQ:AMZN) e Google — anch’essa di proprietà di Alphabet — nell’e-commerce. 

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azionibreakoutcriptovalute e opzioni.