Il rame racconta quanto è vicina la recessione

Il prezzo del rame funge da termometro economico globale e può essere utilizzato per misurare lo stato dell'economia, nonché la potenziale recessione che potrebbe arrivare

Il rame racconta quanto è vicina la recessione
2' di lettura

Quando l’economia inizia a vacillare e i tamburi della recessione battono forte, c’è un asset di mercato che funge da termometro per misurare lo stato dell’economia globale. Questo non è un indicatore anticipatore o di attività come il PMI o il PIL, si tratta di rame. La materia prima è una delle più utilizzate dall’industria e, inoltre, è diventata un alleato essenziale per la transizione energetica. Pertanto, quando questa merce inizia a diminuire, significa che l’industria richiede meno, il che si traduce in un consumo finale inferiore.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Storicamente, i prezzi del rame hanno segnato il ritmo dell’economia e hanno rispecchiato il consumo finale nel prezzo. Così, quando il rame sale, ciò si traduce in una maggiore domanda, o anche occasionalmente in timori di mancanza di approvvigionamento, come è successo con la guerra in Ucraina o la pandemia. Ma, in linea di massima, i suoi incrementi sono dovuti a un aumento dell’attività industriale e le sue diminuzioni a causa di un minor fabbisogno di materia prima da parte dell’industria.

Cos’è successo al rame?

La pandemia ha alimentato i prezzi del rame a causa di problemi nelle catene di approvvigionamento. Così, nella primavera del 2021, il rame è salito sopra i 10.300 dollari per tonnellata a causa di quei colli di bottiglia che hanno alzato i prezzi di praticamente tutte le materie prime. Dopo il calo dei prezzi, dovuto al graduale ritorno alla normalità, il rame è tornato a crescere a causa della guerra in Ucraina e di questi nuovi timori di mancanza di approvvigionamento.

La materia prima, dunque, balla sul filo dei 7.000 dollari a tonnellata, che tornerebbe ai livelli del 2018-2020, prima della pandemia. Tuttavia, le condizioni attuali sono diverse, poiché le strozzature sono ancora presenti così come la guerra. In altre parole, nonostante i problemi attuali, l’industria ha iniziato a richiedere meno rame.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Con tutto questo sul tavolo, ciò che sembra indicare è che gli investitori dovrebbero prestare attenzione all’evoluzione dei prezzi del rame per sapere quanto sono vicini a una possibile recessione, alla quale sembra che ci stiamo avvicinando sempre di più.

Tuttavia, non tutto ha connotazioni negative, poiché potrebbe anche aiutare a controllare e ridurre l’inflazione attuale, che è al massimo di quattro decenni e che, per il momento, non ha raggiunto il picco prima di iniziare a diminuire.

Pertanto, il prezzo del rame funge da termometro economico globale e possiamo usarlo per misurare lo stato dell’economia, nonché quella possibile recessione che deve ancora venire. L’attuale tendenza è al ribasso, ma è ancora su livelli pre-pandemia e non tanto recessiva.

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azionibreakoutcriptovalute e opzioni.