Xinjiang Tourism: visitare le Regioni Occidentali di (Xiyu) cultura di una città millenaria

3' di lettura

Urumqi: reperti culturali, cavalli Fergana, International Grand Bazaar 

KASHGAR, Cina, 3 agosto 2022 /PRNewswire/ — Urumqi si trova nella parte centrale dello Xinjiang, l’hinterland dell’Eurasia. La città vanta caratteristiche etniche e culturali regionali dello Xinjiang, oltre a grattacieli e mezzi di trasporto efficienti. Attualmente è una delle destinazioni turistiche più popolari dello Xinjiang.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!
On July 4, a foreign student from Zhejiang Normal University photographed Xinjiang specialties in the International Grand Bazaar pedestrian street

 

Lo Xinjiang Museum, situato su Northwest Road ad Urumqi, è il più grande museo di collezioni di reperti culturali e cimeli dello Xinjiang, che espone ben 1.570 pezzi (gruppi) di preziosi reperti culturali di vari periodi, dalla dinastia pre-Qin alla dinastia Qing. Il museo utilizza la tecnologia di proiezione olografica per integrare i reperti in scene viventi e offre anche produzioni teatrali immersive legate alle tradizioni.

L’International Bazaar Pedestrian Street di Xinjiang, nota come la “Finestra di Xinjiang”, è un bazaar speciale con architettura in stile islamico, commercio etnico e cucina dello Xinjiang, dove è possibile acquistare una varietà di piccole merci poco costose con le caratteristiche regionali dello Xinjiang.

Il Wild Horse Ancient Ecological Park di Urumqi copre un’area di 200 acri e protegge importanti e antiche risorse ecologiche, come quasi 300 boschi silicificati, meteoriti di ferro nero, cavalli selvatici di Przewalski e cavalli Fergana.

La Xinjiang Art Theatre Mukam Art Troupe propone performance legate al patrimonio culturale mondiale intangibile “Uyghur Twelve Mukams”.

Kashgar: una vivace città millenaria 

La Moschea Etigar, situata sul lato occidentale di Etigar Square nel centro di Kashgar, copre un’area di 16.800 metri quadrati ed è il più grande “luogo di raduno” musulmano nello Xinjiang, con 2-3.000 persone che si raccolgono qui in preghiera qui ogni giorno e 6-7.000 musulmani (solo uomini) che pregano qui ogni venerdì pomeriggio.

Nel villaggio di Tovankwu Cusak, conosciuto come il villaggio degli strumenti musicali etnici, la musica etnica e la produzione di strumenti musicali etnici vengono tramandati di generazione in generazione. Qui vengono prodotti a mano più di 50 tipi di strumenti musicali in 27 categorie. Quasi 300 famiglie locali realizzano e producono artigianalmente strumenti musicali, coprendo quasi tutti i tipi di strumenti uiguri tradizionali. Il villaggio un tempo costruì il più grande Dutar al mondo, lungo 4,97 metri, che ha richiesto ben 45 giorni di lavoro. Il grande produttore di strumenti Elkhen Timur una volta costruì un Hotwarp lungo 3,75 metri e un Sattar lungo 5,7 metri. Questo villaggio è stato quindi scelto come una delle prime basi dimostrative nazionali per la protezione della produzione del patrimonio culturale intangibile, al fine di promuovere la produzione di strumenti musicali etnici e la trasmissione di musica etnica.

Altri monumenti consigliati 

Le grotte Kizil, la Torre Kizil Gaha Beacon, e il Sito del Tempio Buddista Subash ad Aksu 

Le grotte di Kizil, situate ad Aksu, nello Xinjiang, furono scavate all’incirca nel III secolo. Attualmente, ci sono ancora 81 grotte con splendidi murales, reperti culturali dell’antico stato del Qiuci. Il mese scorso, le antiche grotte buddiste sono state visitate da studenti stranieri della Zhejiang Normal University.

Il Kizil Gaha Beacon è la più antica torre di avvistamento sulla strada settentrionale dell’antica Via della Seta – nonché quello meglio conservato – ed è situato in una posizione privilegiata lungo questa storica arteria commerciale.

Il tempio buddista Subash, che vanta una storia di oltre 1.700 anni, è un sito relativamente ben conservato con una pagoda al centro, circondata da templi, grotte, sale, celle monastiche e altri edifici. Il sito era il centro della cultura buddista a Guzi e persino delle regioni occidentali (Xiyu) durante l’arco temporale che va dai periodi Wei-Jin alla dinastia Tang.

Dancers from the Xinjiang Art Theatre Mukam Art Troupe taught visitors to learn Xinjiang folk dance

 

The well-preserved Uygur-style streets and furniture shops in the ancient city of Kashgar.