Inflazione zona euro: potrebbe esserci il taglio dei tassi a giugno?

Inattesa frenata dell'inflazione nell'eurozona: la BCE valuta possibili tagli ai tassi di fronte alle nuove prospettive economiche.

1' di lettura

In un recente sviluppo, l’inflazione nella zona euro ha registrato un calo inaspettato il mese scorso, secondo un rapporto di Reuters. Questo potrebbe portare la Banca Centrale Europea (BCE) a considerare una riduzione dei costi del denaro dai massimi storici.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo

Il tasso di crescita dei prezzi al consumo nei 20 paesi della zona euro è rallentato a 2,4% a marzo, rispetto al 2,6% di febbraio, contrariamente alle aspettative di una lettura invariata. I prezzi dei generi alimentari, dell’energia e dei beni industriali hanno contribuito al raffreddamento dell’indice generale.

L’inflazione sottostante, attentamente monitorata dalla BCE per valutare la durata delle pressioni sui prezzi, è scesa a 2,9% da 3,1%. L’unico potenziale motivo di preoccupazione per Francoforte è che l’inflazione dei servizi è rimasta stabile a 4% per mesi, segno che la dinamica salariale relativamente rapida mantiene i prezzi nel settore dei servizi sotto costante pressione.

Questi dati suggeriscono che la BCE potrebbe iniziare a ridurre i tassi di interesse a giugno, con l’inflazione che potrebbe scendere più rapidamente del previsto.

Perché è importante

Prima del rilascio dei dati sull’inflazione, le borse europee erano rimaste in gran parte immutate, con i trader in attesa di dati chiave che avrebbero potuto influenzare le previsioni sulla tempistica del primo taglio dei tassi della BCE.

Il consigliere della BCE, Pablo Hernandez de Cos, ha affermato in un evento finanziario a Barcellona che la BCE potrebbe iniziare a tagliare i tassi di interesse a giugno, a seguito del continuo rallentamento dell’inflazione nella zona euro.