Senato USA approva nuove restrizioni: Alibaba, titoli cinesi vacillano

Compagnie cinesi
1' di lettura

Mercoledì, il Senato degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge che potrebbe portare al delisting (ovvero la rimozione dai listini di borsa) delle società cinesi dalle borse USA.

La legislazione sulle compagnie cinesi

Il senatore John Kennedy ha presentato l’Holding Foreign Companies Accountable Act (Atto di Responsabilità per la Proprietà di Compagnie Straniere) per la procedura di consenso unanime, e il disegno di legge è stato approvato senza obiezioni, ha riferito MarketWatch.

Il disegno di legge prevede che le società cinesi dimostrino di non essere possedute o controllate da un governo straniero, e richiederebbe anche la loro compatibilità con la supervisione USA in materia di revisione aziendale.

Perché è importante per le aziende cinesi

La nuova legislazione potrebbe dissuadere le compagnie cinesi dal quotare le loro azioni sui listini statunitensi e dunque raccogliere fondi dagli investitori USA. In seguito alla notizia, diversi titoli cinesi hanno subito un ribasso.

Mercoledì, le azioni di Alibaba Group Holding (NYSE: BABA) erano in ribasso dell’1,4%, a 214,55 dollari. Il titolo ha un massimo a 52 settimane di 231,14 dollari e un minimo a 52 settimane di 147,95 dollari.

Il prezzo delle azioni di Baidu (NASDAQ: BIDU), intanto, era diminuito dell’1,4%, a 108,21 dollari. Il titolo ha un massimo a 52 settimane di 147,38 dollari e un minimo a 52 settimane di 82 dollari.

Le azioni di JD.Com Inc (NASDAQ: JD) invece erano in calo dello 0,55%, a 53,96 dollari. Il titolo ha un massimo a 52 settimane di 56,50 dollari e un minimo a 52 settimane di 25,48 dollari.

Il prossimo passo

Il disegno di legge verrà ora inviato alla Camera dei Rappresentanti – a maggioranza Democratica – per essere valutato.