I mercati volano nonostante la fine dell’espansione economica

A febbraio, la pandemia di Coronavirus ha interrotto il più lungo periodo di espansione economica della storia degli Stati Uniti.

I Mercati Ruggiscono Nonostante La Fine Dell’Espansione Economica
1' di lettura

A febbraio scorso, l’economia statunitense si è lasciata spalle la più lunga espansione economica di sempre, quando è entrata in recessione a causa della pandemia di COVID-19.

Cosa È Successo

Lunedì, il Comitato d’Appuntamento sul Ciclo Economico, dell’Istituto Nazionale di Ricerca Economica degli Stati Uniti, ente che mantiene una cronologia dei cicli economici negli USA, ha dichiarato che il picco economico più recente è stato registrato nel febbraio 2020, il quale ha posto fine ad un periodo di espansione record iniziato nel giugno 2009.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Il comitato ha concluso che “il calo delle attività è stato così grande, e così ampiamente diffuso in tutta l’economia, che tale declino economico dovrebbe essere piuttosto classificato come una recessione, anche se questa si è rivelata piuttosto breve”.

Perché È Importante

La velocità con cui questo declino economico è stato etichettato come una recessione è degna di nota, poiché ci sono voluti solo quattro mesi per definire il fatto che il Coronavirus abbia convertito il calo in recessione.

In precedenza, quando l’economia aveva iniziato il suo declino alla fine del 2007, il comitato aveva impiegato un anno per annunciarla, secondo Reuters.

Nel frattempo, i mercati si sono scrollati di dosso la recessione, con il NASDAQ sulla strada verso la più rapida ripresa dai minimi toccati all’inizio di quest’anno. Lunedì, l’indice ha chiuso in rialzo dell’1,13%, a un massimo storico di 9924,75 punti.

Anche l’S&P 500 ha recuperato tutte le perdite del 2020, chiudendo a 3.232,39 punti, in aumento giornaliero dell’1,20%.