Bezos pronto a testimoniare al Congresso

Il colosso e-commerce di Seattle afferma che il proprio amministratore delegato è pronto a testimoniare, nell’ambito dell’indagine antitrust sulle big tech

Bezos pronto a testimoniare al Congresso
2' di lettura

Domenica, gli avvocati di Amazon.com Inc. (NASDAQ:AMZN) hanno dichiarato in una lettera indirizzata alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti che Jeff Bezos, amministratore delegato dell’azienda, sarebbe disposto a testimoniare nell’indagine disposta dalle autorità legislative sulle pratiche messe in atto da Amazon, che violerebbero le norme antitrust, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal.

Cosa è successo

“Siamo impegnati a collaborare con la vostra richiesta e renderemo disponibile il dirigente appropriato per testimoniare”, ha dichiarato nella lettera Robert Kelner, partner di Covington & Burling LLP, studio legale che rappresenta Amazon.

“Ciò include rendere Jeff Bezos disponibile per testimoniare in un’audizione con gli altri amministratori delegati questa estate.”

Il Journal ha osservato che la settimana scorsa il comitato giudiziario della Camera ha inviato lettere a Facebook Inc. (NASDAQ:FB), Apple Inc. (NASDAQ:AAPL), Google, sussidiaria di Alphabet Inc. (NASDAQ:GOOGL) (NASDAQ:GOOG), e Amazon, chiedendo l’impegno dei rispettivi amministratori delegati a testimoniare nell’ambito dell’indagine antitrust che coinvolge le suddette aziende.

Non è chiaro se Bezos abbia intenzione di testimoniare nel caso in cui altri amministratori delegati rifiutassero la richiesta del comitato.

Perché è importante

I colossi della tecnologia si trovano ad affrontare indagini antitrust in merito a diverse questioni, inclusa l’acquisizione di startup più piccole che potrebbero potenzialmente sviluppare prodotti concorrenti ai loro.

In particolare, le critiche su Amazon sono rivolte al suo duplice ruolo di marketplace e di venditore allo stesso tempo. Secondo quanto riferito, i dirigenti della società di e-commerce avrebbero usato dati privilegiati di venditori di terze parti sulla propria piattaforma per decidere quale delle loro linee di prodotti originali usare, secondo quanto riportato dal Journal già ad aprile.

Secondo quanto riferito, l’Unione Europea sta pianificando di intentare nelle prossime settimane azioni legali contro Amazon per violazione delle norme antitrust.

Movimento dei prezzi di AMZN

Lunedì le azioni Amazon hanno chiuso in rialzo di quasi l’1,1%, a 2.572,68 dollari. Il titolo è poi sceso di circa lo 0,6%, a 2,588 dollari, nell’after-market.