L’ex presidente della SEC, Harvey Pitt, sconcertato da investimenti su Hertz

Secondo l’ex capo della Securities and Exchange Commission, gli investitori USA si stanno lasciando attirare dalle nuove azioni “spazzatura” di Hertz

Harvey Pitt sconcertato dall’ingenuità degli investitori sul caso Hertz
2' di lettura

Gli esperti di titoli hanno sempre seguito il mantra secondo cui le aziende possono vendere i loro titoli “spazzatura” al pubblico fintanto che l’azienda stessa sia conscia del fatto che gli stia “offrendo spazzatura e che il pubblico non dovrebbe davvero comprarla, pur avendo la possibilità di farlo”, ha detto l’ex presidente della SEC Harvey Pitt.

Per qualche ragione, ora questa logica regge più, ha dichiarato Pitt martedì al programma Squawk Box di CNBC.

Cosa è successo Nessuno si aspettava che investitori al dettaglio o di altro tipo fossero tanto ingenui da scommettere su azioni di società sull’orlo del fallimento, come Hertz Global Holdings Inc (NYSE:HTZ), ha detto Pitt.

La società di noleggio auto ha approfittato dell’imprevisto apprezzamento del titolo per cercare di raccogliere capitali tramite la vendita di azioni per un valore di un miliardo di dollari.

Perché è importante La Securities and Exchange Commission dovrebbe agire per costringere Hertz e altre società con una situazione simile a diventare “molto più aggressive” nelle loro divulgazioni, ha detto Pitt. Le banche di investimento che stanno lavorando con Hertz per la raccolta dei capitali dovrebbero fare anche di più, ha aggiunto l’ex capo della SEC.

“Le banche di investimento hanno delle responsabilità, e quando offrono dei titoli uno dei problemi che dovranno essere considerati è se tali investimenti siano idonei”, ha detto Pitt.

“Secondo il mio modo di pensare, [in questo caso] una società di investment banking corre il rischio di vendere a tutti gli effetti una controversia giudiziaria. Perché in fin dei conti, se funziona come dovrebbe, questo è come il gioco delle sedie musicali, in cui alla fine qualcuno rimarrà senza posto”.

Cosa potrebbe succedere La SEC non ha alcuna autorità legale per impedire una vendita di azioni, e da qui in avanti ciò non dovrebbe cambiare, ha concluso Pitt.