Google rinuncia ad offrire il suo prodotto cloud in Cina

Il progetto “Isolated Region” non vedrà la luce in territorio cinese a causa di motivazioni geopolitiche

Google rinuncia ad offrire il suo prodotto cloud in Cina
2' di lettura

Google, di proprietà di Alphabet Inc (NASDAQ:GOOGL) (NASDAQ:GOOG), ha deciso che non renderà disponibile il suo nuovo servizio cloud, “Isolated Region”, in Cina e in altri mercati sensibili.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo

Isolated Region era un’iniziativa che mirava ad aiutare i Paesi a mantenere il controllo dei dati all’interno dei propri confini e si pensava che avrebbe rappresentato un “notevole cambiamento di strategia”, secondo le fonti di Bloomberg.

L’iniziativa avrebbe permesso a Google di creare servizi di cloud computing controllati da una terza parte – ad esempio un’agenzia governativa o una compagnia locale – che avrebbe permesso al colosso dei motori di ricerca di separare l’installazione di questa parte del cloud dai suoi data center e dalle reti di computer esistenti.

Le fonti di Bloomberg hanno rivelato che Google ha chiuso l’iniziativa Isolated Region a maggio, a causa delle crescenti preoccupazioni geopolitiche e della crisi del COVID-19.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Il piano di Google era di vendere servizi cloud in quelli che definisce “mercati sensibili alla sovranità”, come la Cina e l’Unione Europea.

Un portavoce di Google ha negato che Isolated Region sia stato chiuso a causa delle tensioni geopolitiche o della pandemia, attribuendo invece la chiusura del progetto ad “altri approcci” che la società stava perseguendo e che “offrivano risultati migliori”.

Il portavoce ha affermato che Google non offre e “non ha offerto servizi di piattaforma cloud all’interno della Cina”.

Perché è importante

Si pensava che il progetto, avviato nel 2018, fosse indirizzato alla Cina, dove la normativa prevede che le aziende occidentali si uniscano a una società partner cinese per fornire servizi di dati o di rete, secondo quanto riportato da Bloomberg.
A differenza dei rivali, Amazon Inc (NASDAQ:AMZN) e Microsoft Corporation (NASDAQ:MSFT), Google non vende servizi cloud in Cina.

Già tre anni fa il gruppo di Mountain View aveva intrapreso una serie di iniziative volte a vendere questo tipo di servizi, che erano stati successivamente sospesi da quando Thomas Kurian è subentrato come CEO di Google Cloud.

Nel 2019 il segmento cloud di Google ha generato ricavi per 8,9 miliardi di dollari, con un incremento del 53% rispetto all’anno precedente.

Movimento dei prezzi

Nell’after-hours di mercoledì le azioni di classe A di Alphabet hanno avuto un rialzo dello 0,16%, a 1.506 dollari. Il titolo aveva chiuso la sessione regolare in rialzo dello 0,92%, a 1.503,60 dollari.

Nell’after-market le azioni di Classe C della società sono aumentate dello 0,33%, a 1.501 dollari e la sessione ordinaria era stata chiusa in rialzo dello 0,73%, a 1.496 dollari.