Delta Airlines: perdita nel Q2, tutta colpa del COVID-19

Delta Airlines tra le compagnie aeree che hanno sofferto le ripercussioni della pandemia

Delta Airlines: perdita nel Q2, tutta colpa del COVID-19
1' di lettura

Delta Airlines (NYSE:DAL) ha registrato una perdita ante imposte di 3,9 miliardi di dollari per il secondo trimestre, conclusosi il 30 giugno, con un calo delle entrate di oltre 11 miliardi di dollari rispetto allo scorso anno.

Ed Bastian, CEO della compagnia aerea con sede ad Atlanta, ha affermato che la perdita vertiginosa “mostra l’impatto davvero sconvolgente della pandemia di COVID-19 sulla nostra attività”.

La compagnia aerea aveva previsto una continua diminuzione delle entrate dall’inizio dell’anno, quando ha messo a terra oltre il 90% dei suoi voli passeggeri a causa delle restrizioni di viaggio imposte dal governo e volte a combattere la diffusione del nuovo coronavirus.

I ricavi totali di Delta per il secondo trimestre ammonterebbero a circa 1,5 miliardi di dollari, un calo dell’88% rispetto all’anno precedente, con ricavi unitari totali in calo del 21%. Le entrate cargo sono scese del 42%, a 108 milioni di dollari.

All’inizio dell’anno, la compagnia aerea aveva beneficiato di 1,3 miliardi di dollari in finanziamenti dal pacchetto di aiuti CARES Act introdotto dal Congresso e aveva lanciato un piano di ristrutturazione da 2,5 miliardi di dollari, che includeva l’annuncio di ritiri anticipati per alcuni velivoli.