BMW patteggia con la SEC le accuse di vendite gonfiate

La casa automobilistica tedesca pagherà una multa di 18 milioni di dollari all’autorità regolatoria statunitense

BMW patteggia con la SEC le accuse di vendite gonfiate

Giovedì Bayerische Motoren Werke AG (OTC:BAMXF) e due delle sue controllate negli Stati Uniti hanno patteggiato con le autorità alcune accuse relative alle loro offerte di obbligazioni societarie.

Cosa è successo Le tre società avrebbero divulgato informazioni imprecise e fuorvianti sul volume delle vendite al dettaglio nell’ambito delle loro offerte obbligazionarie da 18 miliardi di dollari, secondo quanto dichiarato dalla SEC.

L’autorità regolatoria ha affermato che la casa automobilistica tedesca e le due consociate statunitensi hanno accettato di pagare una penale da 18 milioni di dollari senza ammettere o negare le accuse rivolte.

Le società hanno accettato di cessare e di desistere da future violazioni delle disposizioni in questione, ha riferito la SEC.

“Attraverso le sue ripetute dichiarazioni confuse, BMW ha fuorviato gli investitori riguardo alle sue performance di vendita al dettaglio negli Stati Uniti e alla domanda dei clienti per i veicoli BMW nel mercato statunitense mentre l’azienda raccoglieva capitali negli USA”, ha detto Stephanie Avakian, direttrice della Divisione per l’Applicazione delle Politiche della SEC.

Perché è importante La SEC ha sottolineato la collaborazione mostrata da BMW durante le indagini, svoltesi nel mezzo della pandemia di COVID-19.

L’autorità regolatoria sta anche indagando sulla casa automobilistica Nikola Corporation (NASDAQ:NKLA) in merito alle accuse di aver ingannato gli investitori sulle sue prospettive di business; sul caso è in corso anche un’indagine parallela da parte del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.

A luglio UBS Group AG (NYSE:UBS) ha pagato 10 miliardi di dollari per patteggiare le accuse rivolte dalla SEC secondo cui la banca svizzera aveva allocato obbligazioni municipali, inizialmente destinate ai piccoli investitori, ai cosiddetti “flipper”, che poi le hanno immediatamente vendute a scopo di lucro.

Movimento dei prezzi Giovedì le azioni OTC di BMW hanno chiuso sostanzialmente invariate a 71,45 dollari.

Foto per gentile concessione: Tamer Aburabah tramite Wikimedia

Nessun Articolo da visualizzare