Prima dell’apertura di Wall Street, 10/11/2020

Un’occhiata ai mercati; futures azionari USA contrastati; attesa per report degli utili e interventi degli oratori Fed

Sedute USA
3' di lettura

Movimenti in pre-apertura

Nei primi scambi in pre-market i futures azionari statunitensi risultano contrastati, dopo i guadagni registrati lunedì in seguito alla vittoria di Joe Biden e alle notizie positive sul candidato vaccino anti-Covid di Pfizer; gli investitori sono in attesa dei resoconti degli utili di D. R. Horton Inc (NYSE:DHI), AerCap Holdings NV (NYSE:AER), Rockwell Automation (NYSE:ROK) e Advance Auto Parts, Inc. (NYSE:AAP).

L’indice NFIB sull’ottimismo delle piccole imprese per ottobre verrà comunicato alle 6:00 ET, mentre il rapporto JOLTS del Dipartimento del Lavoro USA sulle offerte di lavoro per il mese di settembre sarà diffuso alle 10:00 ET. Il presidente della Federal Reserve di Boston, Eric Rosengren, prenderà la parola alle 10:00 ET, il vice presidente alla supervisione della Federal Reserve, Randal Quarles, interverrà alle 14:00 ET; poi il presidente della Federal Reserve di Boston, Eric Rosengren, interverrà nuovamente alle 16:00 ET, mentre Lael Brainard, membro del consiglio dei governatori della Federal Reserve, parlerà alle 17:00 ET.

I futures sull’indice Dow Jones hanno guadagnato 96 punti, attestandosi a 29.144, mentre quelli sull’S&P 500 sono in diminuzione di 17 punti, a quota 3.527. I futures sul Nasdaq sono in ribasso di 182,75 punti, a 11.637,75.

Ad oggi negli Stati Uniti è stato registrato il numero più alto di casi e di decessi per coronavirus al mondo, con un totale di oltre 10.110.550 contagi e circa 238.250 vittime. Intanto l’India ha confermato almeno 8.591.730 casi di COVID-19, mentre il Brasile ha registrato un totale di oltre 5.675.030 casi confermati.

I prezzi del petrolio sono saliti, coi futures sul Brent in aumento dell’1,9%, a 43,21 dollari al barile; i futures sul WTI hanno registrato un rialzo dell’1,6%, a 40,95 dollari al barile. Il rapporto settimanale dell’American Petroleum Institute sulle scorte di petrolio greggio verrà pubblicato nel corso della giornata.

Uno sguardo ai mercati globali

Oggi i mercati europei sono perlopiù in rialzo; l’indice spagnolo Ibex guadagna il 2,4%, lo STOXX Europe 600 sale dello 0,3%, l’indice francese CAC 40 segna +1,1%, il tedesco DAX 30 perde lo 0,3% e il FTSE 100 di Londra cresce dell’1,2%. A settembre il tasso di disoccupazione del Regno Unito è salito al 4,8%, in linea con le aspettative; nello stesso mese, l’attività di produzione industriale della Francia è aumentata dell’1,4%.

Anche i mercati asiatici hanno registrato un rialzo generale; l’indice giapponese Nikkei ha avuto un aumento dello 0,26%, il cinese Shanghai Composite ha perso lo 0,4%, l’Hang Seng di Hong Kong è in rialzo dell’1,1%, l’indiano BSE Sensex è salito dell’1,6% e l’australiano S&P/ASX 200 ha fatto segnare +0,7%. A settembre i dati sulle partite correnti del Giappone hanno mostrato un avanzo di 1,35 trilioni di yen, mancando la stima di consenso di 1,79 trilioni. A ottobre l’indice dei prezzi al consumo in Cina è sceso su base mensile dello 0,3%, mentre l’indice dei prezzi alla produzione ha registrato una flessione su base annua del 2,1%.

Raccomandazioni degli analisti

Gli analisti di KeyBanc hanno avviato la copertura sul titolo Thermo Fisher Scientific Inc. (NYSE:TMO) con una valutazione Sector Weight.

Nel pre-market Thermo Fisher Scientific ha guadagnato lo 0,5%, a 487,15 dollari per azione.

Ultime notizie

  • Eli Lilly And Co (NYSE:LLY) ha rivelato che il suo bamlanivimab, trattamento con anticorpi monoclonali da impiegare contro il COVID-19, ha ricevuto l’autorizzazione all’uso di emergenza dalla Food and Drug Administration.
  • SunOpta Inc. (NASDAQ:STKL) ha accettato di vendere il suo segmento globale degli ingredienti ad Amsterdam Commodities NV per 330 milioni di euro.
  • Beyond Meat Inc (NASDAQ:BYND) ha riportato risultati negativi per il terzo trimestre; la società ha affermato che sta continuando a subire un rallentamento significativo nella sua unità di ristorazione.
  • International Flavours & Fragrances Inc (NYSE:IFF) ha riportato utili più deboli del previsto per il terzo trimestre.