AutoX: azienda sostenuta da Alibaba testa auto driverless

AutoxX testa auto a guida autonoma senza alcun intervento umano

AutoX: startup sostenuta da Alibaba testa auto driverless
2' di lettura

Shenzhen diventa la prima città in Cina a testare auto a guida autonoma senza supporto umano, come riferisce CNBC.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo: AutoX, azienda cinese specializzata in tecnologia per auto a guida autonoma, nonché startup sostenuta da Alibaba Group Holding Ltd (NYSE:BABA), MediaTek e Shanghai Motors, cerca di assumere il ruolo di capofila schierando una flotta di 25 veicoli senza conducente nel centro di Shenzhen.

Attualmente in Cina sono in corso diversi progetti “Robotaxi”, ma i veicoli dispongono ancora un autista che può prendere il controllo in caso di emergenza o che può gestire l’auto a distanza.

Negli ultimi sei mesi AutoX ha condotto diversi “stress test” per valutare le prestazioni dei veicoli in varie situazioni, ha detto la società.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

La startup ha 100 Robotaxi nelle strade della Cina, inclusi 25 veicoli completamente senza pilota a Shenzhen, ha affermato alla CNBC Jewel Li, responsabile delle operazioni di AutoX.

Il Robotaxi è disponibile per ospiti privati e dipendenti ma non è ancora aperto al pubblico, ha affermato l’amministratore delegato Jianxiong Xiao.

Perché è importante: la tecnologia senza conducente di AutoX si trova in un momento cruciale, poiché cerca di testare auto completamente autonome a livello mondiale; secondo TechCrunch, AutoX ha infatti ottenuto un permesso a San Jose, in California, per iniziare i test senza conducente, raggiungendo così Waymo e Nuro, aziende sostenute da Alphabet Inc (NASDAQ:GOOG) (NASDAQ:GOOGL).

“Abbiamo un piano per espanderci in 10 città a livello globale nei prossimi sei mesi”, ha detto Li. L’azienda vede nel Sud-est asiatico il prossimo mercato in crescita.

Secondo Li, AutoX ha un vantaggio nel sud-est asiatico rispetto ad altre tecnologie senza conducente sviluppate in Occidente, dato che le strade in Asia sono simili a quelle delle città cinesi.

“Si tratta di un’esperienza quasi fantascientifica per la maggior parte dei nostri guidatori; quando si sperimenta davvero il veicolo che si guida in maniera completamente autonoma, il livello di entusiasmo è travolgente”, ha concluso Li.

Immagine cortesemente concessa da AutoX