Apple accusata di violare il diritto del lavoro in Cina

Ex dipendenti accusano la compagnia di impiegare un numero di lavoratori temporanei superiore al 10%, violando così le norme cinesi in materia

Apple accusata di violare il diritto del lavoro in Cina
2' di lettura

Nel 2014, la Cina ha promulgato una nuova legge sul lavoro per proteggere i diritti dei lavoratori, che fissa la percentuale di lavoratori temporanei in fabbrica a un massimo del 10%. Secondo The Information (tramite The Verge), la legge ha avuto un impatto diretto su Apple Inc (NASDAQ:AAPL) dal momento che gli stabilimenti dei suoi fornitori in Cina violavano il suddetto limite.

Cosa è successo: i lavoratori a tempo determinato in Cina ricevono salari inferiori e minori benefici; si tratta di un elemento divenuto comune in Cina dovuto alla diminuzione dell’interesse per i lavori di fabbrica, secondo le fonti di The Information, come riportato da Verge.

Dopo l’entrata in vigore della legge, Apple ha svolto un sondaggio presso 362 dei suoi stabilimenti di fornitori in Cina, riscontrando che quasi la metà di questi violava il limite dei lavoratori temporanei; ottanta fabbriche hanno utilizzato oltre il 50% dei dipendenti temporanei nella loro forza lavoro, secondo una presentazione Apple esaminata da The Information.

Il produttore di iPhone ha chiesto ai suoi fornitori di aderire al limite dei lavoratori temporanei entro marzo 2016, un periodo di proroga concesso per potersi conformare alla legge.

Tuttavia, tre ex membri del “team di responsabilità dei fornitori” di Apple sostengono che non sia cambiato molto dopo il periodo di proroga, e che l’azienda di Cupertino non ha intrapreso alcuna azione significativa contro i fornitori che violano la legge “per timore che questo creerebbe dei costi, prosciugherebbe risorse e ritarderebbe il lancio dei prodotti”.

Perché è importante: secondo The Information, il problema è continuato nel 2018, dato che una fabbrica di Quanta che produceva Apple Watch ha assunto 5.000 lavoratori a tempo determinato, pari al 27% della sua forza lavoro.

Nel 2019, Apple e Foxconn Technology Co Ltd (OTC:FXCOF), uno dei suoi principali fornitori, hanno ammesso di utilizzare più impiegati temporanei in Cina di quanto consentito dalla legge, come riportato da Engadget.

La strategia di Apple di evitare fughe di notizie e mantenere la segretezza del prodotto dà origine al problema dei lavoratori temporanei.

“Stiamo rendendo difficile ai nostri fornitori rispettare questa legge, poiché il 10% semplicemente non è sufficiente per far fronte ai picchi della domanda di manodopera di cui abbiamo bisogno durante i nostri aumenti di produzione”, hanno affermato i dirigenti di Apple nella presentazione aziendale, ha osservato The Information, secondo Apple Insider.

Apple ha affermato di applicare in modo equo le politiche del suo codice di condotta per i fornitori su tutta la catena di fornitura.

Movimento dei prezzi: mercoledì le azioni AAPL hanno perso il 2,09%, chiudendo a 121,78 dollari.

Immagine cortesemente concessa da Wikimedia