Mercati globali in rialzo, si indebolisce il dollaro USA

La svalutazione del biglietto verde è dovuta all’ottimismo in materia di misure di stimolo economico

Mercati globali in rialzo, si indebolisce il dollaro USA
3' di lettura

Martedì Wall Street ha avuto una giornata di Borsa positiva, mentre gli Stati Uniti sono vicini a un accordo bipartisan sulle misure di stimolo economico; nella giornata di mercoledì l’ottimismo sta investendo i mercati asiatici ed europei.

Oggi, all’ultimo controllo, i futures sull’indice Dow Jones sono aumentati dello 0,02% e quelli sull’S&P 500 mostrano un rialzo dello 0,05%; i futures sul greggio Brent sono in calo dello 0,26%, a 50,63 dollari, mentre quelli sull’oro sono in crescita dello 0,15%, a 1.858 dollari. Il rendimento dei Treasury decennali è sceso di 1 punto base allo 0,911%.

Asia: mercoledì l’indice giapponese Nikkei ha guadagnato lo 0,26%. A novembre il surplus della bilancia commerciale del Giappone si è ridotto a 366,8 miliardi di yen, mancando la stima di consenso a quota 529,8 miliardi; a dicembre l’attività manifatturiera giapponese ha mostrato un sorprendente aumento a 49,7, molto meglio rispetto alla stima di consenso di 48,9; l’attività dei servizi è scesa a 47,2. Nel corso della giornata sono attesi i dati sugli investimenti esteri in azioni e obbligazioni giapponesi.

Mercoledì l’indice cinese Shanghai Composite ha chiuso quasi invariato; i guadagni sono stati determinati dai titoli energetici, di consumo e agricoli, controbilanciati dalle perdite nei titoli di servizi e di software. Semiconductor Manufacturing Int’l (OTC:SMICY), azienda di produzione chip, ha perso fino al 7% a Shanghai dopo che il co-amministratore delegato Liang Mong Song si è improvvisamente dimesso.

L’indice Hang Seng di Hong Kong è cresciuto dello 0,97%, trainato dai guadagni nei titoli finanziari e industriali.

L’australiano S&P/ASX 200 ha chiuso in rialzo dello 0,72%, dopo che l’attività manifatturiera del Paese si è espansa a 56, l’attività dei servizi è aumentata a 57,4 e le vendite di nuove case sono cresciute del 15,2% su base mensile. Oggi si attendono i dati sulla disoccupazione.

Al momento della pubblicazione, l’indice indiano Nifty 50 guadagna lo 0,79%, dopo che a novembre il deficit della bilancia commerciale si è ampliato a 9,87 miliardi di dollari, un dato migliore rispetto alla stima di consenso che prevedeva un disavanzo di 9,96 miliardi. I dati sulla massa monetaria M3 verranno diffusi nel corso della giornata.

Mercoledì l’indice sudcoreano KOSPI ha fatto segnare +0,54%, dopo che il suo tasso di disoccupazione è sceso al 4,1%.

Europa: al momento della pubblicazione, l’Euro Stoxx 50 sale dell’1%. Oggi l’Eurozona prevede un fitto calendario economico; gli investitori osserveranno i dati sugli indici PMI manifatturiero e dei servizi, sulla produzione edilizia, sulla bilancia commerciale e sulla crescita dei salari.

Il FTSE 100 di Londra guadagna l’1,06% dopo che a novembre l’indice dei prezzi al consumo (CPI) non-core è cresciuto dello 0,3% su base annua, mancando la stima di consenso del +0,6%, mentre il CPI core è in aumento dell’1,1%, sempre su base annua. A novembre il dato input sull’indice dei prezzi alla produzione (PPI) è aumentato dello 0,2% su base mensile, mentre il PPI output core ha avuto una crescita dello 0,9% su base annua.

Nei primi scambi di oggi, l’indice tedesco DAX 30 ha registrato un rally dell’1,27%. A dicembre l’attività manifatturiera ha mostrato una sorprendente espansione a 58,6 e l’attività dei servizi è aumentata a 47,7.

Mercoledì l’indice francese CAC 40 è in rialzo dello 0,97%; a dicembre l’attività manifatturiera del Paese è aumentata a 51,1 e l’attività dei servizi è aumentata a 49,2, superando le stime di consenso su entrambi i fronti.

Al momento della pubblicazione, l’indice spagnolo IBEX 35 è in crescita dello 0,52%.

Trading sul forex: i futures sull’indice del dollaro scendono dello 0,33%, a 90,112; il dollaro si è indebolito dello 0,37% contro l’euro, a 1,2195 dollari, dello 0,36% contro la sterlina, a 1,3510 dollari, e dello 0,29% contro lo yen giapponese, a 103,36 yen.