Le Borse europee in positivo provano a reagire alla paura della variante inglese

1' di lettura

172707

I listini del Vecchio Continente tentano il rimbalzo, in negativo solo Londra, dopo la raffica di vendite di ieri per la variante inglese del Covid. Continua il calo del prezzo del petrolio

Dopo i forti cali di ieri, le Borse europee tentano di rialzare la testa e aprono in prudente rialzo. A causare le forte vendite non solo la variante inglese del Covid, ma anche i ribilanciamenti dei portafogli di fine anno. Milano in avvio di contrattazioni segna +0,53%, Francoforte +0,63%, Madrid +0,49%, Parigi +0,52%, apre in negativo Londra con il Ftse 100 a -0,45%. La Borsa di Tokyo chiude in ribasso, con l’indice Nikkei a -1,04%, rallentato dai timori per il nuovo ceppo del virus.

RESTA AVVERSIONE AL RISCHIO

Le misure di lockdown per contenere la diffusione del virus e la variante del Covid-19 identificata nel Regno Unito, ma anche in altri Paesi Ue, tra cui l’Italia, continuano a tenere alta l’avversione al rischio degli investitori, nonostante l’imminente avvio della campagna vaccinale anche in Europa, dopo che ieri l’Ema ha dato il via libera alla commercializzazione del vaccino Pfizer-BioNTech...

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.