Pre-market: futures USA in rialzo in vista dei dati economici

Un’occhiata ai mercati; si attendono gli utili di Paychex

Sedute USA
3' di lettura

Movimenti in pre-apertura

Nei primi scambi in pre-market i futures azionari statunitensi sono in territorio positivo, dopo che nella sessione precedente l’indice Dow Jones è sceso di 200 punti a causa delle preoccupazioni per i nuovi ceppi di COVID-19. Gli investitori sono in attesa dei risultati degli utili di Paychex, Inc. (NASDAQ:PAYX).

I dati su ordini di beni durevoli, richieste di sussidio di disoccupazione iniziali, reddito personale e spese per i consumi verranno diffusi alle 8:30 ET. L’indice dei prezzi delle case della Federal Housing Finance Agency sarà pubblicato alle 9:00 ET, mentre i dati sulle vendite di nuove case e l’indice di fiducia dei consumatori dell’Università del Michigan saranno diffusi alle 10:00 ET.

I futures sull’indice Dow Jones hanno guadagnato 90 punti, attestandosi a 30.002, mentre quelli sull’S&P 500 sono in aumento di 12,75 punti, a quota 3.690. I futures sul Nasdaq sono in rialzo di 24 punti, a 12.734.

Ad oggi negli Stati Uniti è stato registrato il numero più elevato di casi e di decessi per coronavirus al mondo, con un totale di oltre 18.236.610 contagi e circa 322.830 vittime; intanto l’India ha confermato almeno 10.099.060 casi di COVID-19, mentre il Brasile ha registrato un totale di oltre 7.318.820 casi confermati.

I prezzi del petrolio sono scesi, coi futures sul Brent in calo dello 0,3% a 50,01 dollari al barile; anche i futures sul WTI hanno registrato un ribasso dello 0,3% a 46,89 dollari al barile. Nella tarda giornata di martedì l’American Petroleum Institute ha riferito che nella settimana terminata il 18 dicembre le scorte di petrolio greggio sono aumentate di 2,70 milioni di barili. Il rapporto settimanale dell’Energy Information Administration (EIA) sulle scorte di petrolio negli Stati Uniti verrà diffuso alle 10:30 ET, mentre il report dell’EIA sulle scorte di gas naturale in stoccaggio sotterraneo sarà pubblicato alle 12:00 ET.

Uno sguardo ai mercati globali

Oggi i listini europei sono sostanzialmente in verde in seguito alle notizie secondo cui mercoledì potrebbe essere concluso un accordo commerciale sulla Brexit: l’indice spagnolo Ibex guadagna lo 0,6%, lo STOXX Europe 600 è in aumento dello 0,3%, l’indice francese CAC 40 e il tedesco DAX 30 segnano entrambi +0,5% e il FTSE 100 di Londra è in calo dello 0,1%. A novembre i prezzi all’importazione in Germania sono diminuiti del 3,8% su base annua. Nel terzo trimestre il PIL della Spagna è cresciuto del 16,4% su base trimestrale ma è diminuito del 9% su base annuale.

I mercati asiatici sono tutti in territorio positivo: l’indice giapponese Nikkei ha guadagnato lo 0,33%, il cinese Shanghai Composite ha fatto segnare +0,76%, l’Hang Seng di Hong Kong è salito dello 0,86% e l’indiano BSE Sensex ha registrato un incremento dello 0,7%; anche l’indice australiano S&P/ASX ha avuto un aumento dello 0,7%. Ad ottobre l’indice dei principali indicatori economici del Giappone è salito a 94,3 contro la lettura preliminare di 93,8 mentre l’indice core dei prezzi al consumo è sceso dello 0,1% su base annua. A novembre il credito del settore privato in Australia è aumentato dello 0,1%.

Raccomandazioni degli analisti

Gli analisti di KeyBanc hanno mantenuto il rating Overweight sul titolo IAC/Interactivecorp (NASDAQ:IAC) e hanno aumentato il target price da 165 a 210 dollari.

Martedì le azioni IAC/InterActiveCorp sono aumentate del 14,1% chiudendo a 183,73 dollari.

Ultime notizie

  • Martin Midstream Partners LP (NASDAQ:MMLP) ha riportato la vendita di Mega Lubricants a John W. Stone Oil per 22,4 milioni di dollari.
  • Pfizer Inc (NYSE:PFE) è vicina ad un accordo con l’amministrazione Trump per fornire agli Stati Uniti 100 milioni di dosi del suo vaccino contro il Covid-19, come ha riferito il Wall Street Journal.
  • AstraZeneca Plc (NYSE:AZN) e la Russia hanno deciso di testare una combinazione dei loro vaccini; la società anglo-svedese ha firmato un memorandum di cooperazione con l’Istituto Gamaleya, il Russian Direct Investment Fund e la società farmaceutica russa R-Pharm al fine di studiare la combinazione.
  • Supernus Pharmaceuticals Inc (NASDAQ:SUPN) ha riferito che SPN-812 ha mostrato risultati top-line positivi nel suo studio di Fase III per il trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività.