Morgan Stanley e Goldman Sachs si esprimono su Affirm

Ecco un analisi sul titolo dell’azienda di finanziamento prestiti

Morgan Stanley e Goldman Sachs si esprimono su Affirm
3' di lettura

Affirm Holdings Inc (NASDAQ:AFRM), società fintech che da inizio gennaio ha iniziato le contrattazioni di Borsa, è fra i tre principali attori del settore buy now pay later, che offre ai consumatori un metodo di finanziamento alternativo.

Cosa dicono gli analisti su Affirm Holdings: l’analista di Morgan Stanley James Faucette ha avviato la copertura sulle azioni Affirm con un rating Overweight e un target price di 142 dollari.

Anche Matthew O’Neill, analista di Goldman Sachs, ha avviato la copertura sulle azioni Affirm, ma con una valutazione Neutral e un prezzo obiettivo di 95 dollari.

Per Morgan Stanley, Affirm risponde a un mercato scarsamente servito: Affirm non ha “inventato” un nuovo modo di fare acquisti online, poiché in qualche modo i finanziamenti via POS (point-of-sale) esistono da migliaia di anni, ha scritto Faucette nella nota; piuttosto la società ha avuto successo nel rispondere alle esigenze di un mercato scarsamente servito come quello delle Generazioni Y e Z, che registrano una minore adozione delle carte di credito.

Nel frattempo, la quota di mercato di Affirm nel settore dei finanziamenti via transazioni ha rappresentato solo l’1,6% di tutte le vendite di e-commerce negli Stati Uniti nel 2019. La capacità di Affirm di attrarre e trattenere i giovani consumatori oggi rappresenterebbe una “sostanziale” storia di crescita secolare a lungo termine; in effetti l’azienda può acquisire una quota del 12% nel finanziamento di tutte le transazioni e-commerce globali entro il 2025.

Gli investitori sono “disposti a sovvenzionare” il profilo di crescita della società nel corso degli anni, poiché si stima che Affirm raggiungerà il breakeven entro il quarto trimestre del 2023; da quel momento in poi l’azienda dovrebbe espandere i margini fino al 10% nel prossimo decennio e infine raggiungere un obiettivo a lungo termine del 30%.

Goldman Sachs prevede “un’intensa concorrenza”: la strategia di Affirm per migliorare i suoi tassi di perdita sta mostrando alcuni segnali di successo, ha scritto O’Neill nella nota, aggiungendo che una collaborazione con Shopify Inc (NYSE:SHOP) in qualità di fornitore esclusivo di finanziamenti per gli esercenti risulterà in un numero maggiormente favorevole di transazioni a basso valore e di breve durata.

Tuttavia la partnership deve ancora formalmente prendere il via, mentre una collaborazione dello stesso tipo con Peloton Interactive Inc (NASDAQ:PTON), che offre un’esposizione minima o nulla ai ricavi da abbonamenti di Peloton, non è disponibile per i consumatori al di fuori del Nord America.

Anche se Affirm dovrebbe riuscire a mantenere una posizione di leadership nella categoria buy now pay later, il rialzo di oltre il 100% del titolo dalla sua offerta pubblica iniziale di 49 dollari implica che gli investitori dovrebbero restare in disparte a causa della concorrenza “intensa”, ha scritto l’analista.

Il prezzo corrente del titolo implica un multiplo di 66 volte le entrate meno le spese di transazione: la valutazione non è giustificabile, soprattutto perché la partnership con Shopify non è ancora iniziata.

Movimento dei prezzi di AFRM: lunedì le azioni di Affirm Holdings hanno fatto un balzo del 18% a 122,76 dollari.

(Foto: Affirm Holdings)