Azioni cinesi di Classe A, perché sono un’occasione da non mancare

1' di lettura

Nicholas Yeo, Responsabile azionario Cina di Aberdeen Standard Investments, sottolinea che gli investitori che non hanno ancora esposizione su questo mercato rischiano di perdere un ottimo potenziale di crescita

Le A-share cinesi rappresentano il secondo più grande mercato azionario al mondo, super liquido, caratterizzato da anomalie di prezzo e molto poco detenuto a livello di investitori globali. Chi non ha un’esposizione rischia però di perdere l’occasione per trarre vantaggio dal suo ottimo potenziale di crescita. I mercati cinesi dei capitali hanno continuato a funzionare estremamente bene nonostante un 2020 difficile, e l’’aumento della partecipazione estera, incentivata da opportunità di crescita strutturale, corrobora la preferenza per le A-share cinesi.

ANCORA POCO PESATE NEGLI INDICI GLOBALI

Lo sottolinea Nicholas Yeo, Responsabile azionario Cina, Aberdeen Standard Investments, ricordando che la Cina è anche il secondo mercato azionario più grande del mondo, con una capitalizzazione superiore a 10.000 miliardi di dollari, di cui però le A-share rappresentano appena lo 0,6% dell’indice MSCI All Countries World. Fino a poco tempo fa, il mercato onshore cinese era difficilmente accessibile dagli investitori globali, ma negli ultimi anni ha beneficiato di una considerevole apertura e liberalizzazione, e ora i fornitori di indici stanno gradualmente introducendo le A-share cinesi nei propri benchmark globali…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.