Nasdaq, rimbalzo guidato da Tesla e FAANG di breve durata?

A sostenerlo Jeremy Siegel della Wharton School, secondo cui nei prossimi 6-12 mesi i titoli che mostreranno una sovraperformance non saranno quelli tech

Nasdaq, rimbalzo guidato da Tesla e FAANG di breve durata?
2' di lettura

Il recente rimbalzo registrato dal Nasdaq trainato dai titoli tech potrebbe essere di breve durata, secondo Jeremy Siegel, professore di finanza presso la Wharton School – secondo quanto riportato martedì dalla CNBC.

Cosa è successo: Siegel non si è mostrato ottimista sull’indice dei titoli tecnologici, che martedì ha guadagnato quasi il 3,7% chiudendo la migliore giornata di contrattazioni da novembre.

Siegel ha indicato i tassi di interesse più alti e l’ottimismo sulle riaperture come fattori che continuano a ostacolare i titoli growth, secondo la CNBC.

“Non credo che andranno male. Non avremo un crollo come quello che abbiamo avuto 20 anni fa”, ha affermato il docente.

“Ma penso che i titoli che sovraperformeranno nei prossimi 6-12 mesi saranno fondamentalmente non tech”.

Martedì i titoli tecnologici hanno registrato un rally, con Tesla Inc (NASDAQ:TSLA) che è balzata di quasi il 19,6% a 673,58 dollari e che nella sessione after-hours ha guadagnato un ulteriore 2,32%.

Martedì i cosiddetti titoli FAANG, che includono Facebook Inc (NASDAQ:FB), Apple Inc (NASDAQ:AAPL), Amazon.com, Inc (NASDAQ:AMZN), Netflix Inc (NASDAQ:NFLX) e Google, consociata di Alphabet Inc (NASDAQ:GOOGL) (NASDAQ:GOOG), erano tutti in rialzo.

Le azioni Facebook hanno guadagnato quasi il 4,1% a 265,74 dollari, le azioni Apple sono salite del 4,06% a 121,08 dollari e le azioni Amazon hanno fatto segnare +3,76% a 3.062,85 dollari.

Le azioni Netflix hanno chiuso in rialzo del 2,66% a 506,44 dollari; le azioni di Classe A e di Classe C di Alphabet hanno avuto un incremento, rispettivamente, dell’1,64% a 2.040,36 dollari e dell’1,41% a 2.052,70 dollari.

La maggior parte di questi titoli ha poi avuto un andamento in sordina durante la sessione after-hours.

Perché è importante: questa settimana il Nasdaq è finito in territorio di correzione, con un calo dell’11% dal massimo storico registrato un mese fa.

Siegel ha notato che la marcia al rialzo dei tassi di interesse a lungo termine non si è ancora arrestata, secondo CNBC.

“I cosiddetti titoli value saranno ricercati per il loro rendimento, perché penso che i tassi di interesse continueranno a essere diretti molto più in alto sulle obbligazioni a lungo termine”, ha detto l’analista.

Siegel ha previsto che quest’anno l’indice Dow Jones raggiungerà i 35.000 punti, un livello superiore di quasi il 10% rispetto alla chiusura di martedì.

Siegel rimane rialzista, tranne che per i titoli tech, aggiungendo che questo “mercato azionario ha ancora modo di salire”, secondo CNBC.