Bitcoin, la scadenza delle opzioni innesca il recupero

Ben $6,4mld in contratti scadono oggi; il rialzo odierno fa da contraltare al calo di ieri, dovuto alla pressione di vendita delle posizioni short  

Bitcoin, la scadenza delle opzioni innesca il recupero
2' di lettura

Oggi sono scaduti oltre 6,4 miliardi di dollari di contratti di opzione, spingendo ancora una volta Bitcoin (CRYPTO:BTC) su una traiettoria di prezzo ascendente, secondo l’exchange di derivati crypto Deribit.

Cosa è successo: al momento della pubblicazione, la criptovaluta leader di mercato scambiava a 53.930 dollari, guadagnando l’1,2% a pochi minuti dalla scadenza dei contratti.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Si ritiene che il calo registrato ieri nel prezzo di Bitcoin sotto quota 51.000 dollari sia stato alimentato principalmente dalla pressione di vendita da parte dei detentori di posizioni short.

Perché è importante: la maggior parte di questi contratti è stata scambiata su Deribit, che guida il mercato delle opzioni in Bitcoin per volume di scambi.

“La maggior parte delle put scadrà senza valore”, ha osservato Deribit all’inizio di questa settimana, aggiungendo che ciò non significa necessariamente che queste non siano servite al loro scopo, poiché le put protettive possono aver avuto una funzione di polizza assicurativa.

Le aspettative di prezzo per aprile, tuttavia, sono state fissate molto più in alto, visto che la maggior parte degli investitori ha piazzato le proprie scommesse sulle opzioni call con scadenza alla fine del mese prossimo e prezzo di esercizio di 80.000 dollari.

Coinbase, il principale exchange di criptovalute con sede negli Stati Uniti, è in procinto di quotarsi in Borsa ad aprile tramite quotazione diretta sul NASDAQ; i trader di opzioni sembrano aver scontato gli effetti della quotazione quando hanno piazzato le loro scommesse sul prezzo di Bitcoin per le prossime settimane.

I dati storici, inoltre, indicano che intorno alla scadenza delle opzioni di fine mese il prezzo di BTC ha sempre registrato un rally, dopo un pullback nel prezzo.

“Da anni i derivati su BTC sono i principali motori dei mercati a pronti; almeno dal 2018, i derivati muovono il prezzo spot più di quanto lo spot sposti i derivati”, ha dichiarato a Cointelegraph Sam Bankman-Fried, amministratore delegato dell’exchange di criptovalute FTX.