Apple o Microsoft, cosa comprare ora?

Gina Sanchez e JC O'Hara hanno espresso il loro parere durante il programma ‘Trading Nation’ della CNBC

Apple o Microsoft, cosa comprare ora?

Con l’indice S&P 500 che giovedì ha raggiunto un nuovo massimo record in chiusura per il secondo giorno consecutivo, il programma ‘Trading Nation’ della CNBC ha chiesto a due trader quale dei due maggiori titoli dell’S&P 500 sia l’acquisto migliore: Microsoft Corp. (NASDAQ:MSFT) o Apple Inc. (NASDAQ:AAPL)?

Cosa è successo: Gina Sanchez, amministratrice delegata di Chantico Global e chief market strategist presso Lido Advisors, ha affermato che la risposta dipende dal fatto che gli investitori apprezzino il reopening trade (ovvero basato sulla riapertura delle attività) e il catch-up trade (ovvero basato sul ritorno ai livelli pre-Covid) oppure valutino la crescita a lungo termine.

Sanchez ha osservato che se si valuta il reopening trade, l’anno scorso Apple è stata colpita più duramente visto che le persone hanno scelto di non cambiare i loro telefoni o computer con una nuova versione; le aspettative per il 2021 e 2022, comunque, sono molto robuste e il catch-up trade su Apple è molto positivo.

Microsoft, d’altra parte, ha un curriculum di crescita molto lungo e le aspettative sono ancora più rosee dopo la pandemia rispetto a prima, secondo Sanchez; durante la pandemia la società ha proseguito con lo sviluppo del suo pacchetto Azure e di Stack.

Basandosi puramente sulla valutazione, secondo Sanchez, Microsoft in realtà non sta scambiando a un sovrapprezzo così alto come quello di Apple; sebbene il titolo sia più conveniente in termini assoluti, Microsoft è in realtà più economica rispetto alla propria storia, ha spiegato l’analista.

JC O’Hara, chief market technician presso MKM Partners, ha spiegato che Microsoft ha chiaramente il grafico più solido e il suo titolo ha già rotto al rialzo i massimi di febbraio, raggiungendo massimi storici.

L’analista, tuttavia, ritiene che Apple potrebbe essere il miglior titolo da acquistare in questo momento, poiché quello a cui sta guardando O’Hara è un catch-up trade; l’esperto di MKM Partners ha poi previsto che Apple andrà a testare i massimi di febbraio.

O’Hara ha affermato che, con Microsoft che la scorsa settimana ha iniziato a rompere verso nuovi massimi, presto anche Apple farà lo stesso.

Perché è importante: giovedì le azioni Microsoft hanno toccato un nuovo massimo per il secondo giorno consecutivo, mentre Apple non ha raggiunto un nuovo massimo dal 25 gennaio, quando ha registrato un nuovo massimo a 52 settimane per poi cedere il 10%.

Apple ha una capitalizzazione di mercato di 2.180 miliardi di dollari, mentre Microsoft ha una market cap di 1.910 miliardi; il rendimento da inizio anno di Apple è del -3,5%, mentre quello di MSFT è del 12,6%.

Movimento dei prezzi: giovedì le azioni Apple hanno chiuso in rialzo dell’1,9% a 130,36 dollari e nella sessione after-hours sono salite di quasi lo 0,4%; lo stesso giorno, le azioni Microsoft hanno chiuso con un aumento dell’1,3% a 253,25 dollari e nell’after-market sono salite ulteriormente dello 0,3%.