Stagione utili USA: 5 azioni ‘momentum’ da comprare

Bank of America suggerisce di puntare su nomi come Microsoft, Alphabet, Facebook, Home Depot e Lowe’s

Stagione utili USA: 5 azioni ‘momentum’ da comprare
3' di lettura

L’indice S&P 500 si avvia alla stagione degli utili del primo trimestre su massimi record; per il momento infuria la battaglia fra gli investitori momentum, che prevedono ci possa essere spazio per un significativo rimbalzo dei prezzi delle azioni, e gli investitori value, i quali credono che l’inflazione e l’aumento dei tassi di interesse potrebbero fare una brutta sorpresa al mercato azionario.

Ci sono molti momentum stocks (titoli momentum) che mostrano un’accelerazione in senso rialzista in vista della stagione degli utili; i trader esperti, tuttavia, sanno che mancare sensibilmente le stime sugli utili tarpare le ali a un titolo momentum; in effetti, anche realizzare buoni utili può rivelarsi un evento sell-the-news (cioè vendere all’uscita della notizia) per gli investitori azionari momentum che cercano di realizzare profitti su operazioni vincenti.

Ecco dunque cinque titoli momentum che Bank of America consiglia in vista dell’ingresso nella stagione degli utili.

Microsoft Corporation (NASDAQ:MSFT)

La combinazione di servizi cloud, software professionali e prodotti da gaming di Microsoft ha reso il titolo uno dei nomi più vincenti nel contesto di distanziamento sociale del 2020, e tale momentum è proseguito anche quest’anno con il titolo ulteriormente in rialzo del 16% da inizio anno.

Bank of America ha sul titolo MSFT una valutazione Buy e un target price di 280 dollari. L’azienda dovrebbe pubblicare gli utili il 28 aprile; gli analisti prevedono utili per azione di 1,77 dollari su un fatturato di 41 miliardi, in crescita del 17,2% rispetto all’anno scorso.

Alphabet, Inc. (NASDAQ:GOOG) (NASDAQ:GOOGL)
Alphabet – società madre di Google, YouTube e Waymo – è un colosso delle inserzioni online, e gli analisti stimano che il rimbalzo del settore pubblicitario, iniziato nella seconda metà dell’anno scorso, proseguirà nel 2021.

Da inizio anno le azioni di Alphabet hanno già guadagnato il 29%, ma Bank of America mantiene ancora il rating Buy e un prezzo obiettivo di 2.440 dollari sul titolo GOOGL. Si prevede che Alphabet pubblicherà gli utili il 27 aprile; gli analisti prevedono utili per azione di 15,79 dollari su un fatturato di 51,3 miliardi, in aumento del 24,7% rispetto all’anno scorso.

Facebook, Inc. (NASDAQ:FB)
Si stima che anche Facebook, gigante dei social media e della pubblicità online, quest’anno trarrà vantaggio dagli stessi trend nel settore delle inserzioni online che stanno sostenendo la crescita di Google.

Finora le azioni di Facebook hanno registrato un incremento da inizio anno del 14,8% e Bank of America offre una valutazione Buy e un prezzo target di 358 dollari sul titolo FB. La società di Menlo Park dovrebbe pubblicare gli utili il 28 aprile; gli analisti prevedono utili per azione di 2,36 dollari su un fatturato di 23,5 miliardi, in crescita del 32,6% rispetto all’anno scorso.

Home Depot Inc (NYSE:HD)
Il bricolage è stato uno dei pochi sottosettori della vendita al dettaglio fisica che nel 2020 ha performato molto bene, visto che i periodi di permanenza a casa senza niente da fare hanno portato a investire tempo e denaro in progetti di ristrutturazione.

Finora le azioni di Home Depot hanno osservato un aumento da inizio anno del 20,3% e Bank of America indica un rating Buy e un target di prezzo di 360 dollari sul titolo HD. Home Depot dovrebbe pubblicare gli utili il 18 maggio; gli analisti prevedono utili per azione di 2,95 dollari su un fatturato di 33,8 miliardi, in aumento del 23% rispetto all’anno scorso.

Lowe’s Companies Inc (NYSE:LOW)
Lowe’s è il maggior concorrente di Home Depot e anch’esso ha generato un enorme slancio grazie ai fattori favorevoli di cui ha goduto il settore del bricolage.

Da inizio anno le azioni di Lowe’s sono cresciute del 25% e Bank of America offre una valutazione Buy e un prezzo obiettivo di 215 dollari sul titolo LOW. Lowe’s dovrebbe riferire gli utili il 19 maggio; gli analisti prevedono utili per azione di 2,47 dollari su ricavi di 22,9 miliardi, in aumento del 25,2% rispetto all’anno scorso.