AT&T, HBO Max lancia servizio streaming con pubblicità

Il nuovo abbonamento, che costerà 9,99 dollari al mese, rappresenterà una minaccia per Netflix?

AT&T, HBO Max lancia servizio streaming con pubblicità
3' di lettura

WarnerMedia, consociata di AT&T Inc (NYSE:T) che a sua volta possiede HBO Max, prevede di far pagare 9,99 dollari al mese per una versione del suo servizio di streaming supportata dalla pubblicità, secondo quanto riferito mercoledì dalla CNBC.

Cosa è successo: HBO Max senza pubblicità costa 14,99 dollari al mese, un prezzo equivalente a quanto pagano gli abbonati alla pay-TV dell’azienda con pacchetti premium.

John Stankey, amministratore delegato di AT&T, ha affermato che la versione di HBO Max supportata dalla pubblicità amplierà la portata del servizio per includere coloro che sono più attenti ai costi, secondo CNBC.

“Sia che un cliente scelga di acquistare il prodotto supportato dalla pubblicità oppure di comprare il prodotto in abbonamento diretto, per la nostra attività è ugualmente accrescitivo”, ha dichiarato il dirigente.

Stankey ha affermato che il lancio del modello supportato dalla pubblicità non è “in alcun modo un’ammissione di qualcosa che non ha funzionato nel modo giusto. È sempre stato il piano”.

Alcune fonti vicine alla questione hanno riferito alla CNBC che la maggior parte dei distributori è disposta ad accettare il servizio con pubblicità al prezzo di 9,99 dollari e a commercializzarlo sia agli abbonati non HBO che ai clienti esclusivamente a banda larga.

AT&T ha raggiunto accordi di trasmissione per HBO Max sia con Amazon.com, Inc (NASDAQ:AMZN) che con Roku Inc (NASDAQ:ROKU), dunque non ha bisogno di tornare a parlare con le due aziende per garantirne la distribuzione, come indicano le fonti della CNBC.

Perché è importante: un servizio HBO Max supportato dalla pubblicità potrebbe rivelarsi una minaccia per Netflix Inc (NASDAQ:NFLX), l’attore dominante nel settore dei servizi di streaming video in abbonamento.

La versione del servizio HBO Max supportata dalla pubblicità avrà un prezzo notevolmente inferiore rispetto al servizio di Netflix, che costa 13,99 dollari al mese.

Nella quindicesima edizione del ‘Digital Media Trends Survey’ di Deloitte, solo il 40% degli intervistati si è detto disposto a pagare una quota di abbonamento di 12 dollari per guardare intrattenimento video senza pubblicità.

Il sondaggio ha monitorato cinque generazioni, dalla Gen Z alla Matures, di età compresa tra i 14 e più di 75 anni.

Preferenze generazionali riguardo alla pubblicità sui servizi di streaming video. Fonte: Deloitte’s Digital Media Trends, 15a edizione.

Il 55% degli intervistati ha affermato di essere abbonato a un servizio video supportato dalla pubblicità.

Un sondaggio di The Trade Desk ha indicato che i telespettatori in America preferiscono lo streaming supportato dalla pubblicità rispetto a quello in abbonamento.

“Complessivamente, il 35% di questi consumatori preferirebbe guardare un servizio di streaming gratuito con pubblicità o alcuni annunci per un abbonamento più economico, contro il 31% che preferirebbe pagare un abbonamento senza pubblicità”, ha osservato il sondaggio.

Alla fine di marzo, i servizi HBO/HBO Max vantavano complessivamente 44,2 milioni di clienti negli Stati Uniti, con un aumento di 2,7 milioni su base annua, secondo i risultati aziendali del primo trimestre.

Nel periodo considerato, HBO Max risultava avere 9,69 milioni di abbonati al dettaglio, con un aumento di 2,8 milioni di utenti dai 6,88 milioni del trimestre precedente.

I clienti all’ingrosso di HBO Max e HBO, tramite Comcast Corporation (NASDAQ:CMCSA) e altri distributori, ammontano a 30,94 milioni, con un incremento di 150.000 utenti; gli abbonati a Legacy HBO sono diminuiti di 308.000 unità.

Movimento dei prezzi: la sessione regolare di mercoledì ha visto le azioni AT&T chiudere a 30,96 dollari, in rialzo di quasi lo 0,6%.

Foto per gentile concessione di WarnerMedia