Waymo va in cerca di fondi oltre Alphabet

La startup di guida autonoma, detenuta dalla società madre di Google, già in passato ha effettuato round di finanziamento esterni  

Waymo va in cerca di fondi oltre Alphabet
2' di lettura

Waymo, società di guida autonoma e consociata di Alphabet Inc (NASDAQ:GOOGL) (NASDAQ:GOOG), punta a raccogliere nuovi fondi al di fuori della società madre e ad effettuare acquisizioni per proprio conto, come riferito venerdì da Bloomberg, che cita i co-CEO dell’azienda.

Cosa è successo: Dmitri Dolgov e Tekedra Mawakana, co-CEO di Waymo, hanno dichiarato a Bloomberg che la società ha già raccolto fondi al di fuori di Alphabet e che è disponibile a farlo di nuovo.

La startup californiana, del valore di 30 miliardi di dollari, a marzo 2020 aveva raccolto 2,25 miliardi nel suo primo round esterno di investimenti – guidato da Silver Lake, Canada Pension Plan Investment Board e Mubadala Investment Company – che in seguito si è ampliato fino a quota 3,25 miliardi.

Dolgov e Mawakana sono subentrati al veterano dell’industria automobilistica John Krafcik, rimasto a guida dell’azienda per oltre cinque anni; la notizia della sua uscita è stata annunciata all’inizio di questo mese, prima del previsto. Krafcik resterà un consigliere di Waymo.

Perché è importante: Waymo, nel frattempo, fa progressi nel campo delle tecnologie di guida autonoma per i futuri servizi di ride-hailing e consegna.

All’inizio del 2020 la compagnia ha iniziato a gestire il suo servizio taxi Waymo One nella periferia di Phoenix (Arizona), e da ottobre ha ampliato il servizio al pubblico; attualmente l’azienda sta testando camion a guida autonoma in diversi stati USA per i lunghi tragitti e per la consegna.

Anche le aziende rivali di Waymo, fra cui i colossi tech Amazon.com Inc (NASDAQ:AMZN), Tesla Inc (NASDAQ:TSLA) e Lyft Inc (NASDAQ:LYFT), hanno investito profondamente in questo tipo di tecnologia.

Movimento dei prezzi: giovedì le azioni di classe A di Alphabet hanno chiuso in aumento dell’1,43% a 2.392,76 dollari.

Foto per gentile concessione di Waymo